Passa ai contenuti principali

The Fog

C'è qualcosa di minaccioso nella nebbia, che cammina nella notte facendo fuoriuscire una minacciosa luce, ma di cosa si tratta? Per gli abitanti di una tranquilla cittadina comincia un incubo che ha radici di due secoli passati. In città ci sono le celebrazioni per la nascita di una piccola cittadina ma c'è un torto subito, e dei morti che vengono a chiedere un debito non ancora saldato.
John Carpenter nell' 80 dirige The Fog che sarebbe il classico film di fantasmi, gente morta dopo aver subito un furto, e con i soldi si è costruita una cittadina e così si va avanti a scoprire il mistero celato nel diario di un prete che conosce parecchi segreti.
Ma da quel genio cinematografico che è Carpenter invece di ambientare il film nella classica magione stregata, lo fa attraverso una nave fantasma che con una nube minacciosa terrorizza gli ignari cittadini, quando ormai le carte saranno scoperte sarà troppo tardi.
Un cult del genere Horror, come solo Carpenter sa fare, anni fa ne hanno fatto un remake ovviamente non all'altezza, quello che sorprende di questo film, è l'assoluta minaccia che viene dalla nebbia, una nebbia che intende aprire parecchi scheletri nell'armadio di quei cittadini, e che porta terrore e morte, ma solo per i discendenti di coloro che si sono resi responsabili della morte e del furto di lingotti d'oro della ciurma di una nave.
Un film che sa dare angoscia e brividi ad ogni scena, la suspance è altissima e ben calibrata, la regia è schietta di chi sa cosa vuole raccontare. Particolare importante: nel film vi recitano pure Janet Leigh e sua figlia Jamie Lee Curtis che aveva lavorato con Carpenter in Halloween.
Nonostante abbia 32 anni di vita, direi che li porta bene e si fa apprezzare anche dal pubblico più esigente, d'altronde succede questo con i vecchi film horror, perchè dietro la macchina da presa c'è un maestro del genere; da evitare come la peste il remake che è artificioso e per nulla inquietante quanto questo film.
CULTISSIMO.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.