Passa ai contenuti principali

Magic Mike

Il film nasce da un idea di Channing Tatum, che all'inizio della carriera ha svolto la professione di spogliarellista...ma tranquille signore, qui c'è tutto quello che noi donne possiamo desiderare da un uomo che si spoglia; c'è tutto e c'è molto di più.
Attenzione, non è simile a full monty no...è un film mainstream diretto da Steven Soderbergh, anche se sinceramente parlando non è che sia un capolavoro, ma è fatto abbastanza bene. Rappresenta anche la rinascita artistica di un attore piuttosto sottovalutato,  anche grazie a scelte sbagliate Matthew McConaughey. Con questo film  fa di nuovo parlare di se, ma in senso buono, la critica gli riconosce finalmente lo status di attore, sicuramente sentiremo parlare ancora di lui.
La storia si riassume in un giovane che si accorge delle potenzialità di un ragazzo normale come spogliarellista, decide di dargli una chance e diventa ben presto l'idolo di molte donne, dopo ovviamente una accurata lezione di spogliarello dai ragazzi che lavorano al club. E' soprattutto il capo che gli insegna come fare per mantenere alta l'attenzione del pubblico femminile mentre si spoglia. Ci riuscirà e ben presto scalerà l'onda del successo, e si accorgerà ben presto del lato oscuro della fama...ma non dico nulla, il film dovete vederlo per sapere cosa succede, sapete che non spoilero mai, ma lo faccio solo in casi in cui non si può non spoilerare.
Bene i numeri musicali sono eccitanti, i corpi maschili che si dimenano lo sono ancora di più, soprattutto vedendo quei pettorali palestrati e quei bicipiti la libido femminile sale eccome se sale...
Soderbergh sta cercando di far risalire le sue quote, e si nota subito da questa pellicola che risulta piuttosto patinata e un po' costruita per i miei gusti; anche se girata abbastanza bene non è certo un opera ai livelli del cinema del Soderbergh che conosco io e che ho apprezzato.
Lui è capace di fare film piccoli ma che fanno riflettere, questo film non è un cattivo film, ma manca il divertimento, apparte l'adrenalina ormonale scatenata dai numeri di ballo non è che sia tanto divertente. Alcune scene le ho trovate un po' troppo esistenziali, altre invece e non è un difetto anzi è un pregio, sono incentrate sull'essere umano e i suoi sentimenti, che fanno risalire il film di parecchi punti di gradimento il che non è un male.
COOL.


Commenti

  1. Per me resta uno dei film peggiori di quest'anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si forse è un po' superficiale, ma cacchio Soderbergh dovrebbe evitarci i suoi esistenzialismi, invece dovrebbe inserirci un po' di divertimento e il film ne avrebbe guadagnato...

      Elimina
  2. Non sono solita fare post di film, ma volevo parlare poco tempo fa , proprio di questo...
    Pur avendo una trama abbastanza scontata , per me è una pellicola da vedere...
    Brava , bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, felice che ti sia piaciuto :D

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.