Passa ai contenuti principali

La rivincita delle bionde

Opera prima di Robert Lucketic incentrata sui pregiudizi americani che vedono le donne bionde frivole e superficiali, ma allo stesso tempo vuole abbattere questo pregiudizio presentando una bionda, - Elle Woods interpretata da una spumeggiante Reese Whiterspoon - che dopo essere stata lasciata dal fidanzato per sposare una ragazza mora quindi più seria, decide di andare ad Harvard a studiare legge e a riconquistare il suo ragazzo.
Sarà un avventura rivelatrice che mostrerà il lato superficiale del ragazzo, e il cervello di Elle, che, nonostante i suoi capelli biondi dimostra di essere intelligente e supera con successo gli esami per la laurea in legge.
E' un film fresco e divertente, che mi ha divertita molto, molto brava Reese Whiterspoon che dimostra di essere brillante e spiritosa. La sua Elle non è una bionda che evita le cose che ama, no, Elle è una bionda che aggiunge serietà al suo essere spumeggiante e allegra, il che la caratterizza in maniera insolita rendendola originale. Lei rappresenta un po' il pubblico che va a vedere il film, che, nonostante il colore di capelli si è trovato più di una volta ad essere rifiutato nella vita.
Ma basta non perdersi d'animo e dimostrare le proprie qualità nascoste - anche se gli altri le dicono gli uomini stanno con marilyn ma poi sposano Jackie - la vera Elle esce ad Harvard dando una sonora lezione al bullettone che l'ha lasciata e trovando anche un nuovo amore, un ragazzo che comprende le sue qualità accettandola così com'è. E trova anche nella manicure dove va a farsi le unghie una nuova grandissima amica, che l'aiuterà anche a credere in se stessa.
Sembra una commedia degli anni sessanta, in cui abbiamo una protagonista che sembra la classica oca bionda, ma che piano piano dimostra di essere più intelligente del tonto che l'ha lasciata.
Elle tira fuori le palle anche in un caso difficile che risolverà grazie al suo intuito.
La regia di Lucketic dimostra di essere fresca e ispirata, il cast da il meglio di se, ma la ciliegina sulla torta è Reese Whiterspoon, che solo per lei vale la pena di vedere il film, anche se il resto del cast non è da meno.
Una commedia frizzante e spensierata, che riesce a divertire dalla prima all'ultima scena facendo anche pensare sui rapporti tra le persone e sul nostro vero io che quando meno te lo aspetti esce meglio di come gli altri ci vedono, nonostante i pregiudizi.
APPETITOSISSIMO


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.