Passa ai contenuti principali

L'Ultimo Metrò

  
                                                               Riguarda & Recensisci

Secondo appuntamento di quest'anno con il cinema di François Truffaut, il film selezionato oggi è senza dubbio uno dei suoi migliori titoli: L'Ultimo Metrò.
Ambientato durante la seconda guerra mondiale, narra la storia di Lucas Steiner, direttore di un teatro ebreo che si nasconde nei sotterranei del teatro per non finire in un campo di concentramento. Complice di tutto è la moglie, Marion, che prende il suo posto nella direzione, facendo credere a tutti che il marito è partito.
Per la prima volta Truffaut affronta il tema della seconda guerra mondiale, e ambienta la storia dentro un teatro, in cui si susseguono i preparativi della nuova commedia che deve essere messa in scena.
Tutto procede bene, nonostante ciò il piccolo mondo del teatro diventa il fulcro sul quale gli orrori della guerra sono preclusi.
La protagonista Marion Steiner, interpretata da una bravissima Catherine Deneuve dirige con tenacia quel teatro, e affronta tutto, tedeschi, censori, tutti, non cedendo di un millimetro la messa in scena per salvaguardare suo marito.
Quel teatro, inoltre diviene un piccolo mondo, dove i protagonisti sono soltanto loro gli attori - un discorso analogo Truffaut lo ha affrontato in Effetto Notte anche se in maniera diversa - ma ci sono anche i tecnici, le sarte, gli acconciatori e via dicendo.
Il teatro, inoltre diviene il simbolo di rifugio, che i parigini usano per poter stare al caldo, visto che a casa loro non hanno riscaldamenti dato la guerra.
 C'è anche una fame di arte nel loro cuore, fame, che non viene persa nemmeno durante la guerra, ma devono far presto perchè alle 20:30 parte l'ultimo metrò per tornare a casa.
Bernard - interpretato da Gerard Depardieu - è l'ultimo entrato in quel piccolo mondo, scopriremo poi che è legato alla resistenza, ma durante tutto il film Truffaut non ci anticipa nulla, tutto viene descritto in maniera eccellente, come un puzzle che lo spettatore è chiamato a decifrare.
Saranno gli eventi, e soprattutto i sentimenti a cambiare quel piccolo mondo, che rimarrà un luogo di spettacolo a cui il pubblico può entrare soltanto per vedere la commedia in cartellone.
Si respira arte in questo film, soprattutto l'arte della recitazione, sia dentro che fuori dal palcoscenico, l'arte, messa in primo piano anche nella vita per poter salvare una vita umana.
Truffaut descrive il mondo come un grande teatro, in cui i protagonisti che recitano in palcoscenico lo fanno per divertire il pubblico, ma, una volta terminata la Piéce teatrale, è la vita che ti chiede di recitare un ruolo, di indossare una maschera per far si che le persone che amiamo non finiscano in un campo di concentramento a morire.
In conclusione, l'esempio perfetto di incrocio tra arte e vita, non poteva che essere narrato da un grande regista come François Truffaut, che evita astutamente di dedicarsi specificatamente alla seconda guerra mondiale, concentrandosi su un gruppo di attori dentro un teatro, e anche fuori.
Molto intensa la scena in cui Marion quasi picchia il marito che vuole costituirsi per non farlo uscire dal teatro evitando di mandarlo in un campo di concentramento.
Consigliatissimo se si vuole scoprire sia un altro capolavoro di Truffaut, sia per conoscerlo come autore, e come regista.
Voto: 9

   
                                                          

Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…