Passa ai contenuti principali

Getta la mamma dal treno

Si amici, è proprio quello che pensate voi.
Questo è l'esordio registico di uno degli attori più famosi di hollywood.
No non è una pacchianata, a dirigere la pellicola è quel nano geniale di Danny De Vito, oddio, forse non proprio geniale ma spettacolare ci sta su.

Innanzitutto come sua spalla c'è un altro attore che recentemente non si fa vedere molto in giro, ma che negli anni ottanta spaccava di brutto (Non so se vi ricordate Harry Ti Presento Sally, commedia ormai diventata di culto tra gli appassionati della settima arte) Ovvero Billy Crystal.
Il gusto per l'irriverenza e una certa cattiveria insita nei protagonisti non manca mai nelle pellicole dirette da De Vito, e questa sua tematica comincia proprio dalla sua pellicola d'esordio.
Owen (De Vito) è completamente vessato da una petulante madre che lo tormenta e per questo non è mai cresciuto del tutto; a un corso di scrittura conosce l'insegnante Larry Donner, la cui moglie è diventata famosa rubandogli letteralmente il manoscritto e pubblicandolo a suo nome.
Un giorno Owen propone a Larry uno scambio per far fuori le persone che li tormentano, ovvero Larry dovrebbe uccidere la madre di Owen e questi dovrebbe far fuori la moglie, iscenando un omicidio perfetto perchè nessuno sospetterebbe di loro visto che non conoscevano le persone che avrebbero fatto fuori.
La pellicola è una delle più divertenti e riuscite degli anni '80, e nonostante siano passati trent'anni esatti dalla sua uscita, riesce ad essere ancora attuale, ironica, diventente ed esilarante.
Si ride dall'inizio alla fine, perchè infondo questi due personaggi colpiscono più per i loro difetti che per la cattiveria.
Riusciranno nella loro impresa di sbarazzarsi dei "problemi" che li affliggono?
La regia è astuta e accattivante, lo script risulta originale ed esilarante, e la recitazione? Dall'inizio alla fine parte in quarta e non si ferma più.
A me il film è piaciuto un sacco, anzi un casino, per puntualizzare meglio la cosa, e sicuramente piacerà anche a voi una volta visionato il film.
Per concludere, un brillantissimo esordio alla regia per uno degli attori più talentuosi nel panorama cinematografico americano.
Da vedere.
Voto: 7 e 1/2

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.