Passa ai contenuti principali

Julieta

Questo è uno degli ultimi film che ho visto l'anno scorso, (e se sapeste quanti film ho visto capirete che ero proprio messa male...lasciamo perdere va), ovviamente trattandosi di Almodòvar, era giusto aggiungere un altro tassello alla sua filmografia - per chi se lo ricorda anni fa ho fatto una rassegna dedicata proprio al regista spagnolo, recensendo tutta la sua filmografia - e ora parliamo dell'ultimo lavoro del grande regista spagnolo.




 Almodòvar torna drammatico, dopo la parentesi di ritorno alla commedia di Gli Amanti Passeggeri, con questo film, che ricorda i suoi lavori migliori anche se ci sta discretamente alla lontana visto che la storia è differente.
Comunquesia, di scena abbiamo un conflittuale rapporto madre/figlia, e la morte del padre della ragazza in un incidente in barca.
Sono anni che Julieta non vede sua figlia Antìa, vive la sua vita come se nulla fosse, finchè un giorno incontra l'amica della figlia.
Questo fatto rimette decisamente tutto in discussione, e lei, spinta dal rimorso comincia a scrivere un diario verità su cui racconta in maniera sincera, la sua storia di donna, madre e infine moglie, ricadendo in quella depressione di cui ormai era uscita fuori.
Per Julieta, sarà un percorso difficile e doloroso, che la porterà a confrontarsi coi fantasmi del passato, ed è veramente un passato difficile da cancellare.
Per cui il suo cammino, che vuole essere di riconciliazione con la figlia, sarà molto tortuoso perchè è imperniato di un dolore difficile da cancellare.
Il succo del film sta proprio in questo rapporto difficile e complesso tra madre e figlia, Almodòvar si concentra proprio su questo, portando alla luce il lato oscuro della figura materna. Se nel film Tutto Su Mia Madre questa figura veniva esaltata, qui invece scava nel profondo, cercando di portare alla luce segreti e butie tenuti celati troppo a lungo.
Nel complesso si tratta di un film capace di coinvolgere lo spettatore, grazie alla sua qualità centrale che con questo film Il grande Pedro, torna a toccare gli animi delle persone, e lo fa decisamente in una maniera silenziosa, quasi a spaventarsi di provocara disturbo, mettendo in scena un rapporto difficile, e lo mostra al pubblico, senza mascheramenti.
Un film davvero bello, molto bello, anche se non tocca l'apice del capolavoro, ma sti cazzi vorrei vedere se voi riuscite a fare un film del genere, con lo stesso stile, eh no, non ci riuscirete mai, perchè solo il grande Pedro li fa, e questo è un dato di fatto, non sono sporche cazzate.
Voto: 7

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.