Passa ai contenuti principali

Citizen Kane - Quarto Potere

                                                               Riguarda & Recensisci
                                                          
Ogni cinefilo prima o poi si deve confrontare con quella pietra miliare che gli studiosi di cinema e tutti i critici reputano il più grande film della storia del cinema.
Questa sera tocca a me, e cercherò di spiegare in maniera semplice e concisa ciò che questo film ha suscitato in me, e sono cose positive per carità, certamente ci troviamo di fronte a un film che non solo ha fatto la storia del cinema, credo che SIA la storia del cinema, sin dalla sua uscita.


E solo un regista visionario e geniale quale lo era Orson Welles ha potuto mettere in scena un opera così totale, e allo stesso tempo così perfetta che è stata da esempio per molti altri registi, e di cui molti registi hanno deciso di mettersi dietro la macchina da presa per girare film.
Quarto Potere non è solo  un semplice film, è un opera ricchissima, sfaccettata, che ad una prima visione decisi di non affrontare, forse per paura non lo so.
Quella prima volta che lo vidi ne rimasi sconcertata, e per la prima volta mi sono fatta una mia idea, ero sinceramente confusa, ed è comprensibile di fronte a un capolavoro di questa portata, non riuscivo a capire bene se il film mi fosse piaciuto o meno.
Ovviamente non polemizzate subito, che sia un grande film lo riconosco pure io, per carità, e forse oggi capisco il perchè ne rimasi sconcertata.
Tutto comprensibile se ci troviamo di fronte a un incipt come quello di Quarto Potere di una bellezza a dir poco sconvolgente, assistiamo noi spettatori all'unica rappresentanza diretta del personaggio Charles Foster Kane, siamo noi che lo vediamo quell'unica volta nel suo letto di morte prima che la sfera di cristallo cade infrangendosi in mille pezzi, e poi alla fine lui dice una parola Rosebud, in originale, poi cambiata in italiano Rosabella, chissà come mai hanno voluto cambiare per la versione italiana, non lo sapremo mai.
Anche la residenza di Kane cambia nome, in originale è Xanadu, e in italiano Candalù; bah, misteri delle traduzioni italiane.
Il film è inframmezzato sulla ricerca del significato della parola appunto detta da Kane prima di spirare, ma sin dalla prima volta che la seconda, anche io non sono riuscita a capire cosa cavolo significava quella parola, Welles avrà lasciato in sospeso il mistero?
Charles Foster Kane non viene rappresentato come personaggio principale della storia, anche se a un primo momento potrebbe apparire come il protagonista; sono le persone che lo conoscevano a raccontare al giornalista la sua vita, di uomo incapace di amare se non alle sue condizioni, che ha dedicato una intera vita al potere, e al successo, diventando in breve tempo ricchissimo.
Anche se ricchissimo lo era già da parte di madre.
Assistiamo già dall'incipt a un cinegiornale che annuncia la morte di Kane e mostra spiragli della sua vita, ma cosa si cela dietro l'uomo Kane? E' forse questo il messaggio nascosto del film? Qui troviamo il giornalista che comincia la sua indagine per scoprire appunto il mistero legato all'ultima parola detta da Kane prima di spirare.
Sarà un viaggio vorticoso che non lascerà spazio anche alle mille contraddizioni e difetti che esistevano in Kane come in qualunque essere umano.
Ovviamente la narrazione scelta da Welles, fa si che lo spettatore assista a una rappresentazione bigger than life, dove il personaggio di Kane sta sempre sotto i riflettori.
Ma la brama di potere è più forte di qualunque sentimento che potrebbe provare, e lo porterà a morire da solo, rinchiuso dentro Xanadu, avendo il vuoto attorno perchè è stato abbandonato da tutti.
Che altro dire? Potrei far ricerche su questo film, prendere citazioni se volete, ho trovato qualcosa di interessante su Wikipedia click 
Mi rendo conto che la recensione è venuta abbastanza lunga, direi lunghissima, comunque sia non so da dove mi sono uscite fuori queste parole.
In Conclusione, un film epocale, che ogni cinefilo dovrebbe vedere, e collezzionare, per rivederlo, rivederlo infinite volte.
Quarto potere non è solo il più grande film della storia del cinema, ha fatto storia, e solo per questo va visto.
Voto: 10



Commenti

  1. Sarò poco originale... Ma è uno dei film che preferisco in assoluto.
    La storia del cinema!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un film che spacca tutto, Welles era un fottuto genio!!

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.