Passa ai contenuti principali

F Come Falso

Secondo appuntamento alla fabbrica col cinema del grande Orson Welles, oggi ci concentriamo su un documentario che parla di falsi, concentrandosi sia sull'arte che anche sulla sua famosa messa in scena alla radio de La Guerra Dei Mondi che lo ha fatto conoscere al grande pubblico, facendogli credere di aver assistito davvero all'invasione aliena.

Il film si concentra in particolar modo su Elmir DeRoy, celebre falsificatore di quadri che grazie alla critica si è arricchito, e addirittura su Clifford Irving che falsificava biografia, sul pittore Pablo Picasso o anche Howard Hughes.
In questo film Welles interpreta il ruolo principale di narratore, e racconta direttamente al pubblico la storia tra verità e menzogna che si cela dietro l'arte e i falsificatori della stessa, intervistando direttamente i protagonisti in esame.
Film del '73 interessantissimo, che nonostante la poca durata è capace di centrare il punto andando direttamente al sodo, senza formalismi e raccontando direttamente allo spettatore le storie di presunti falsari, e lasciando che sia proprio questo a tirare le somme di quanto è raccontato nel film.
E' sorprendente la capacità di Welles nel rappresentare il tutto in maniera semplice e soprattutto sincera, che sia un autore con la A maiuscola lo si nota anche dalla narrazione con cui sceglie di mettere in scena l'azione, il tutto è curato nei minimi dettagli tenendo sempre alto l'interesse  del pubblico.
E pochi autori sanno fare queste cose, uno di questi è senza dubbio Stanley Kubrick, ma questa è tutta un altra storia.
Comunque sia è un esperimento interessantissimo e sottolineiamo, primo grande successo di Welles, e si capisce anche il perchè...spesso mi accorgo che molti autori tengono molto a un particolare espediente per rappresentare le loro opere: e quell'espediente è la semplicità, pura e semplice.
Welles accompagna lo spettatore per mano letteralmente, e spiega con semplicità e attenzione la sua versione dei fatti.
Particolarmente divertente anche quando parla della sua esperienza in radio raccontando l'invasione de La Guerra Dei Mondi, che il pubblico americano prese per vera, quando in realtà era solo una finzione.
Un film documentario particolare e bellissimo, che ha la capacità persino di far riflettere.
Voto: 8

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.