Passa ai contenuti principali

Whiplash

Probabilmente se non ci fosse stato l'exploit di La La Land, avrei recuperato questo film magari perchè un amico ne aveva parlato nel suo blog, o  me lo avrebbe consigliato il buon Ford, o forse anche J Doinel, comunque sia, ho fatto tutto di mia iniziativa stavolta, complice la pubblicità incessante su facebook, quando ho cominciato a riguardare film e rimettere in sesto una delle mie passioni più grandi che di fatto è stata sopita per parecchi mesi, a causa di diversi problemi in cui ne parlerò con un post speciale non per avere la pietà di chi mi segue, ma per raccontarmi, non so quando lo scriverò.
Comunque sia, ora siamo in ballo, e perciò balliamo.

Whiplash si presenta come un piccolo film, senza avere la pretesa di avere la presunzione di chissà quale grandezza cinematografica.
Damien Chazelle mette in chiaro sin da subito le sue intenzioni, e mostra i suoi protagonisti senza maschere o inutili sfaccettature, questo è uno dei pregi del film.
Seppur non sia un capolavoro è comunque lodevole la capacità di Chazelle di costruire una storia e imprimerla nella memoria.
Tuttavia, presenta ancora delle imperfezioni tipiche di chi ha l'entusiasmo della prima volta dietro la mdp, imperfezioni che, se paragonate a certe pacchianate del cinema contemporaneo passano sicuramente in secondo piano, data la capacità del suo autore di creare empatia con lo spettatore.
A volte è persino opprimente, e hai la sensazione di non riuscire a respirare, e sicuramente è stato troppo addosso ai suoi attori per rendere più veritiera la storia.
Ebbene, nonostante tutto, nonostante le imperfezioni e via dicendo, a me il film è piaciuto, mi ha tenuta piacevolmente incollata allo schermo del mio pc, e, pur non essendo leggero come la sua opera seconda, ha saputo veramente conquistarmi.
Vi sembra poco? Decisamente no, considerando il fatto che nonostante sia giovane, Chazelle sa il fatto suo, e sicuramente ne sentiremo ancora parlare nel mondo del cinema, io certamente lo spero, perchè nel suo piccolo ha talento, e lo ha dimostrato sia con questo film, che con La La Land, dove è stato capace di far sognare gli spettatori.
Che altro dirvi? Se avete visto La La Land, non potete non vedere questo film, è quasi un obbligo.
Voto: 7 e 1/2

 

Commenti

  1. Davvero un film sorprendente, visto tempo fa ma il ricordo è sempre vivo perché è un gran bel film ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.