Passa ai contenuti principali

Fences - Barriere

Film tratto dall'omonima piéce teatrale, vincitrice del premio Pulizter per la drammaturgia di August Wilson, portata precedentemente in scena da James Earl Jones a teatro.
Il film è tutto incentrato su una famiglia afroamericana, che ha nella figura del padre Troy Maxson, sia la benedizione che la maledizione.

Troy è un uomo disilluso e frustrato, che ha perso fiducia nei suoi sogni.
Lavora come netturbino e ha dei modi particolarmente duri e severi nei confronti dei figli, tra i quali il più piccolo che ha deciso di intraprendere la carriera sportiva, cosa che lui ovviamente non approva; sia per motivi razziali - in passato anche lui a giocato, ma poi ci ha rinunciato per il colore della sua pelle, e perchè i bianchi avevano pregiudizi su di lui - sia per una sorta di protezione dal mondo.
Troy costruisce uno steccato attorno casa sua, e anche delle barriere metaforiche che lo dividono totalmente dalla sua famiglia.
Il rapporto con la moglie è fatto, di silenzi, di screzi e di tante altre cattiverie, che lei per amore della sua famiglia insabbia e sta zitta.
Qualcosa però comincia a non quadrare, piano piano vengono fuori un altra donna e la scoperta che questa è incinta di lui, inoltre il figlio più piccolo ha sempre sentito il peso della sua presenza ingombrante in casa, cosa che ha condizionato la sua vita.
Insomma Troy non è certo uino stinco di santo, e, nonostante i suoi molti difetti la sua è una figura di antieroe. Drammatico il confronto con la moglie quando scopre che ha messo incinta un altra donna, credo sia una delle scene più toccanti del film e anche una delle più intense; lì si scopre davvero tutto il coraggio e la forza delle donne rispetto agli uomini, di una moglie Rose, che ha rinunciato ai suoi sogni per stare con Troy, la sua rabbia, le sue lacrime rivelano tutto il dolore celato e tenuto a freno, solo per amore di Troy, il rapporto comunque termina non appena l'amante di Troy, Alberta muore di parto, e lei è costretta ad accudire anche la bambina nata.
E così rimane solo, e nonostante ha fatto guerra alla morte, alla fine accetta il fatto che il suo passaggio sulla terra sia temporaneo.
Nel finale, la famiglia si riunirà sotto un raggio di sole, avrà fatto pace coi suoi cari?
In conclusione, un film molto bello, forse non proprio perfetto ma si fottano!!! Vale la visione, anche se non raggiunge le vette del capolavoro, chi se ne frega...Vedetevelo!!!!
Voto: 8

Commenti

  1. Bel film davvero, anche se io lui lo avrei abbattuto dopo due minuti dall'inizio della pellicola. Viola Davis stupenda, Oscar per una volta meritatissimo :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.