Passa ai contenuti principali

La Bamba

Ultimamente ho visto diversi film degli anni ottanta, complice Letterboxd, dove ho visto che ne avevo visionati pochini, così ultimamente ne sto recuperando parecchi film di quel decennio. Tra questi vi è senza ombra di dubbio La Bamba, film che finalmente ho potuto visionare per intero dato che ogni volta che lo passavano in tv, non ho mai potuto vedere tutto.

Si tratta della biografia del cantante di origini messicane Ritchie Valens morto a soli 17 anni in un incidente aereo.
Protagonista del film è Lou Diamond Phillips, un bravo attore che incarna molto bene Richie Valens, riuscendo a farcelo amare sin dalla sua prima apparizione nella pellicola.
Si tratta senza dubbio di uno dei migliori biopic musicali mai realizzati, almeno secondo il mio modesto parere, supportato da una storia efficace, che coinvolge gli spettatori facendoti entrare subito in sintonia coi personaggi, supportato dallo script dello stesso regista che forse volutamente ha cambiato alcune cose.
Comunque sia resta un esempio di grande attenzione nei riguardi della figura di Valens come cantante e musicista, che, ancora giovanissimo dimostra un grande talento per la musica.
Ma il regista va oltre, ci fa entrare dentro la famiglia di Rtichie, prendendoci letteralmente per mano, facendoci assaporare, ricordi, emozioni, paure, problemi, amori, quasi come far diventare lo spettatore un membro della famiglia di Ritchie, e non è da tutti i registi cinematografici farci entrare dentro il film con il cuore.
Fattostà che il film è un grande film, ovvero uno dei più grandi film biografici su un artista musicale.
E' sorprendente la capacità del suo autore nel dirigere questa opera cinematografica tenendo conto anche di chi lo guarda.
Certamente mi stupisco nel sapere che Luis Valdez ha diretto pochi film, ed è un peccato perchè ha fatto veramente un ottimo lavoro nel dirigere questo film.
A me questo film mi è piaciuto molto, mi ha colpito soprattutto perchè ti entra nel cuore, diventando certamente uno dei tuoi o miei film preferiti.
Ve lo consiglio, sono sicura che lo amereste tanto quanto lo amo io.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.