Passa ai contenuti principali

The Founder

Ecco la recensione del primo film che ho visto quest'anno.
Era la sera del 21 gennaio scorso quando decisi di ricominciare a vedere film, la mia curiosità si fermò su The Founder, diretto da John Lee Hancock e interpretato da Michael Keaton, attore da me amatissimo sin dai tempi del Batman Bartoniano.

Nonostante siano passati ormai ventotto anni da quando l'ho conosciuto devo dire che il passare del tempo ha giovato molto su Michael Keaton.
Qui, in questo film, è come un istrione capace di tenere alta l'attenzione del pubblico sul suo personaggio Ray Kroc, un uomo molto intelligente che ha preso la palla al balzo scoprendo una catena di ristorazione e trasformandola in una multinazionale da miliardi di dollari.
Tutto questo è successo in america amici miei nei favolosi anni cinquanta.
L'autore del film non racconta questa storia come se fosse una favola, ma narra i fatti come realmente sono accaduti, nè più e nè meno; ed è proprio questa sincerità di fondo che rende la pellicola una interessante riflessione sul sogno americano, anche se ho notato una certa caparbietà del personaggio rappresentata in maniera magistrale da un Michael Keaton in stato di grazia, che avrebbe meritato almeno una candidatura all'oscar.
Ma resta il fatto che il film merita di essere visto, soprattutto per la capacità di coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine.
L'america si sa è la terra delle opportunità, e così un venditore di frullatori di cinquant'anni suonati, può facilmente diventare ricco scoprendo la catena McDonald, che ben presto diviene un impero che frutterà miliardi di dollari grazie alle inventive di Kroc, che riesce a vedere laddove i proprietari non vedono.
Sarà anche scorretto il modo in cui toglie dalle mani la catena ai fratelli ma poco importa, forse McDonald non sarebbe diventata famosa senza Ray Kroc, questo è poco ma sicuro.
Un film che sicuramente vi piacerà per la perspicacia con cui Michael Keaton praticamente ruba la scena a tutti gli attori, sapevo che era bravo e mi piaceva giù da parecchi anni, ma con questo film sicuramente mi ha sorpreso molto.
Che altro dire se non andate a vederlo?
Voto: 8



Commenti

  1. Ottimo film, che fa capire molte dinamiche del capitalismo.
    Michael Keaton si mangia tutti qui

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.