Passa ai contenuti principali

Le Onde del Destino - di Lars Von Trier

Le onde del destino è un film crudo, realistico, sin dalla fotografia cromata e oscura ne tratteggia questo aspetto, quasi come fosse il documentario di una storia d'amore.
In scena una donna Bess, psicologicamente fragile e segnata dalla morte del fratello, si innamora e sposa Jan ed è talmente legata a lui che non riesce a stargli lontano, quasi come se ella avesse trovato una casa in quell'uomo, le scene erotiche non sono gratuite nè vogliono esserlo, sono naturali pure, limpide, non ci sono controfigure, lo si può notare sui corpi completamente nudi dei due protagonisti che piano piano si scoprono accarezzandosi prima le braccia poi il petto poi i loro sessi, non si vedono film così naturali al giorno d'oggi e Von Trier con il suo dogma95 qui è ai suoi livelli più alti.
Bess non sopporta la mancanza forzata del marito, e ancora meglio non sopporta la solitudine e la piccola comunità in cui vive comunità conservatrice.
Bess trova la felicità quando è tra le braccia di suo marito Jan, e quando è sola la vediamo sempre dentro una chiesa a parlare con Dio e a pregarlo di portarle il suo Jan, sia la famiglia che le persone a lei vicino non comprendono il grande amore che prova per il marito, amore che la porterà fino alla morte.
Non ci sono limiti all'amore di Bess per Jan, quando lui per un incidente rimane paralizzato, lui comunque le dice di trovarsi un altro uomo e lei comincia a cercare l'amore che aveva per suo marito nelle altre persone, fino a prostituirsi, fino a perdere la sua dignità di essere umano, ben presto Bess viene allontanata dalla piccola comunità in cui vive e persino i rapporti con la madre sono soffocati, molto intensa la scena in cui Bess viene presa a colpi di pietre da dei ragazzini, non c'è scampo per questa anima tanto fragile, e al tempo stesso tanto pura, straordinaria Emily Watson vera protagonista del film, la regia di Von Trier non è dolce nè vuole esserlo al contrario è disturbante ma efficace, il film è diretto come uno sguardo documentaristico della vita di coppia, il riuscire a fare esplodere sentimenti e renderli reali e vividi, lasciando da parte i sentimentalismi che ne avrebbero fatto un polpettone, Le onde del destino invece è un opera che spiazza, che rende lo spettatore incapace di non provare sentimenti benevoli per Bess nonostante le sue scelte discutibili quando vivi la sua storia perchè quando guardi il film la vivi sulla tua pelle, Bess segue l'amore ed è assolutamente incapace di sviare sulla via della ragione e questo è straziante.
Le persone che vivono vicino a lei sono incapaci di andare oltre, di vivere la vita e perciò bandiscono Bess dalla loro comunità conservatrice, mentre il marito e la cognata non seguono le loro regole ferree se vogliamo chiamarle così.
L'aspetto fondamentale del film è che Bess nonostante tutto non cede, nonostante la comunità perbenista l'abbia bandita lei continua a fare quello che ha scelto di fare e racconta al marito le suse storie quasi come se a distanza facesse l'amore sempre con lui, ed è proprio questo che spiazza, l'assoluta fedeltà dei sentimenti di Bess, del suo amore per Jan che per lei è come una casa e un rifugio fino a perderne la vita.
La spietatezza del mondo in cui vive non le lascia scampo, in quel piccolo mondo se esci fuori dal coro, fino a dove si puà arrivare per l'amore di un uomo? Quanto amore ci vuole per continuare a vivere dopo una tragedia simile?
CAPOLAVORO



Commenti

  1. molto bella anche la scena in cui entra in Chiesa e dice ai sacerdoti che è "solo amando un'altra persona si può raggiungere la completezza"

    RispondiElimina
  2. si in effetti le onde del destino è un film "estremo" in tutto, Von Trier narra la storia di questa "puttana santa" piena d'amore fino alla cima dei capelli, il suo amore è così grande che la porterà alle estreme conseguenze...per questo muore...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.