Passa ai contenuti principali

Il fascino discreto della borghesia - di Luis Buñuel

Con il fascino discreto della borghesia Bunuel mette in scena quello che si può considerare il suo capolavoro assoluto, vi sono fortissimi richiami al meraviglioso l'angelo sterminatore ma qui vediamo la classe borghese, che è un po' il ritratto parodistico di se stessa.
Se nell'angelo sterminatore il gruppo di borghesi veniva intrappolato in una stanza senza riuscire ad uscire, qui i nostri protagonisti non riescono ad iniziare un pasto, la pellicola resta immersa in un atmosfera onirica e surreale in cui il maestro Bunuel ne fa un ritratto come se si trattasse di una commedia teatrale, in cui tutti recitano un ruolo ormai dettato dalla loro classe d'elite non di esseri umani, sarcastico e pungente come sempre ma qui votato solo a sbeffeggiare la classe borghese che corre da un punto all'altro per potere svolgere i loro riti...
il forte impatto sarcastico è la cosa che colpisce di più, qui Bunuel ridicolizza la borghesia e la disegna come una classe appassita e fuori moda, ormai abituata ad avere tutto quello che vuole senza preoccuparsi del prossimo, c'è la moglie che tradisce il marito, alcuni militari che entrano nella stanza e sparano a tutti, ogni volta è un buon motivo per non fare cominciare la loro cena, e ogni volta i loro gesti si ripetono, attenzione alla scena del pianoforte che ricorda moltissimo quel capolavoro di corto muto un chien andalou;
Se nell'angelo sterminatore c'era un che di inquietudine e si rifletteva, qui invece il grande maestro spagnolo ne fa una commedia intelligente che fa divertire lo spettatore, da grande surrealista quale è disegna anche un aspetto fondamentale che ne fa un capolavoro, ognuno dei suoi personaggi ha uno scheletro nell'armadio e piano piano tutti questi scheletri vengono mostrati a chi guarda il film come per dire che non tutto è come appare luccicante, e per bene, chi si immischia nello spaccio di droga, chi ha l'amante etc...
Questa borghesia così osannata non ha un aspetto glorioso ma ha un fascino discutibile, d'altronde siamo tutti esseri umani, capolavoro.




Commenti

  1. Mi accingo a gustarmi questo capolavoro. Per caso ho trovato questo blog, credo lo seguirò. A presto

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.