Passa ai contenuti principali

The Reader - A voce alta

The Reader - A Voce alta è tratto dal romanzo di Bernhard Shlink, narra la storia del giovane Michael, che viene aiutato da una donna misteriosa molto più grande di lui con cui intreccia una relazione amorosa.
La relazione è alquanto insolita perchè Hanna (interpretata da una bravissima Kate Winslet, fresca vincitrice di un oscar) ama che Michael legga per lei, l'eros si mescola con la parola letta e parlata, diventando una voce che parla e anche che esprime sentimenti e pulsioni, Michael non sospetta che in realtà Hanna sia analfabeta finchè un giorno lei scompare per poi trovarla imputata in un processo sulle vittime dell'olocausto in cui lei era una sorvegliante, lei potrebbe salvarsi e dire che non sa leggere, ma si vergogna a dirlo, così passerà trent'anni in carcere, finchè arriva il giorno in cui nella bellissima scena dell'ascolto dei nastri inviatale da Michael imparerà a leggere e a scrivere...
Stephen Daldry traduce per lo schermo il romanzo di Shlink, e orchestra magnificamente i suoi attori,
Non ho letto il romanzo di Shlink, e spero di farlo perchè sicuramente sarà ancora più coinvolgente del film, però una cosa la dico, che finora in tutte le uscite di questo inizio 2009 questo mi sembra il film più riuscito e anche il più coinvolgente.
The Reader è senza dubbio l'opera più matura di Daldry, che qui esprime al meglio la passione, il senso di colpa, la vergogna, il sentirsi inadeguati e tenere segreto il più possibile cio' che non sappiamo fare, Kate qui è molto brava anche se io l'oscar glielo avrei dato per Revolutionary Road dove è straordinaria, e ne sarei stata più contenta se l'avessero nominata per quel film.
Da non sottovalutare la bravura di attori come Ralph Fiennes, Michael ormai adulto, che cerca di stabilire un rapporto con la figlia visto che ha divorziato dalla moglie, e di Lena Olin che si vede in un cameo alla fine.




Commenti

  1. Questo film è uno di quelli che più mi ha fatto piangere dopo la fine e lo dico senza vergogna.
    Meravigliosa Kate Winslet che faceva intuire le cose coi gesti e gli sguardi tipo quando guarda il foglio per la firma oppure quando guarda il menù. Non c'è bisogno di dire altro così come su questo film. Solo una cosa però: finalmente un film in cui c'è il facile perdono. E' una cosa che non ho mai sopportato.

    P.S.: Questo film mi ha ricordato molto "La banalità del male" di Hannah Arendt. E' un libro che dovrebbe essere studiato nelle scuole e letto da tutti.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.