Passa ai contenuti principali

Il grande capo

E siamo alla fine della rassegna, e come poteva terminare se non con una commedia? Il nostro Lars, nel 2006 dirige un film spiritoso e divertente, allontanandosi dai drammi di Dogville, Dancer in The Dark e affini, per dirigere un film fresco, divertente, un po' goliardico non lasciando mai il suo ormai famosissimo senso per la provocazione, un film che gioca sui ruoli, e sulla finzione, la storia è molto semplice, e ruota intorno  a una azienda di prodotti informatici, il cui padrone non sentendosi nel ruolo di capo ha detto ai suoi dipendenti che esiste un capo che organizza tutto dagli stati uniti, la cosa va benissimo fino a quando si fa complicata perchè è soprggiunta la vendita a un riccone islandese che si porta sempre appresso un interprete e che odia i danesi, per via di certe leggende e rancori che legano da sempre l'islanda e la danimarca, allora che fare? Una soluzione c'è ingaggia un attore disoccupato che deve interpretare il ruolo del grande capo, le cose sembrano andare per il verso giusto, ma a lungo andare e con il compratore che si mostra sempre insistente le cose, piano piano cominciano a peggiorare. Una serie di equivoci, piano piano fa scricchiolare la commedia, e la recita,  e l'attore con il vero capo devono imparare a rendersi conto che nella vita non si può sempre fingere, per sistemare le cose bisogna dire la verità, all'inizio non la vera verità ma un altra verità scatenando ancora il panico tra i due commedianti e che a lungo andare sarà la chiave sia per dire come realmente stanno i fatti, sia per rendersi conto che se vendono l'azienda, i lavoratori perderanno il posto, qual'è la soluzione migliore? Semplice raccontare la verità, così il grande capo finalmente svela se stesso e dice che non vende la sua azienda, e l'attore sarà colui che gli farà capire che questa è la soluzione più giusta da prendere.
Un film intrigante e coinvolgente, di un intelligenza acuta, e di un humor davvero accattivante, mette in scena ruoli, recite, situazioni che nella vita di tutti noi possono essere presenti, ma che danno grandi lezioni se sanno capire che nella vita l'importante non è fingere, ma accettare il ruolo che si ha, se si ha la concezione di questo allora le cose miglioreranno.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Davvero un film interessante, uno dei miei preferiti di Von Trier.
    Momenti spassosi e una trama attuale e intellingente.

    RispondiElimina
  2. già un piccolo grande film che veramente conquista e diverte ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.