Passa ai contenuti principali

Departures

Può un piccolo film raccontare la morte, con precisi rituali di preparazione caratteristici del giappone, essere un film delicato, capace di far riflettere sulla vita come sulla morte, come il rispetto delle persone che ci lasciano, e il nostro addio a loro che si incamminano verso una nuova vita, e un nuovo viaggio? La risposta è SI, ecco che un film del genere, che per alcuni può essere jettatorio, se per esempio si è superstiziosi e ignoranti, è capace di parlare attraverso le immagini e i rituali che precedono la vestizione dei morti per il loro ultimo viaggio, il protagonista, all'inizio deve subire i pregiudizi delle persone che gli stanno vicino, dato che ha trovato lavoro come preparatore di cadaveri, all'inizio la gente guarda con sospetto questo lavoro, e quando persino la sua stessa moglie scopre di che cosa tratta il suo lavoro grazie a un video in cui fa il cadavere per spiegare meglio come funziona il rituale di vestizione, lo lascia, non può credere ai suoi occhi, che razza di lavoro si è trovato? Ma ben presto capirà, grazie ai filmati e grazie alle parole del principale del marito che non è come pensa lei, che c'è rispetto e tradizione.
Che dire, una vera sorpresa questo film, io mi aspettavo un film lacrimoso e difficile e invece con mia grandissima sorpresa posso dire di aver visto un film piacevole, per nulla banale o costruito, ma è capace di far riflettere sulla natura umana, sui suoi rituali, sulla vita e sulla morte che è parte della vita stessa, sulla natura e sulle cose che ci circondano, la passione per la musica del protagonista ne è la prova, come ad esempio la sua vita da bambino, che viene raccontata con tenerezza e affetto, riuscirà a scoprire segreti e avrà rivelazioni persino da quel padre che sa che lo ha abbandonato.
Un ritratto appassionato e sincero di un popolo e delle sue tradizioni, di tristezze, passioni, ricordi, perchè la vita è un viaggio, che nessuno può fare al posto nostro, ma che ognuno di noi si crea un mondo a parte, bisogna avere il coraggio di fare entrare gli altri nel nostro mondo e aiutarli a capire, con sincerità, senza avere paura del giudizio degli altri, ma anche bisogna avere il coraggio di aprire i nostri cuori agli altri, in modo che possono imparare ad amarci meglio di come crediamo.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Un film stupendo, leggero e profondo ad un tempo.
    Se non ricordo male, è stata l'ultima volta che una pellicola mi ha commosso.

    RispondiElimina
  2. si è molto molto bello e anche toccante :) e pensare che ho letto che in italia non volevano farlo uscire, menomale che ha vinto l'oscar e gli italiani si sono dovuti "adeguare"

    RispondiElimina
  3. Grande film, il più poetico, dolce e leggero omaggio alla morte che io possa ricordare.
    Ovviamente mi son commosso anch'io, ma a differenza di James mi capita spesso...

    RispondiElimina
  4. eh si, il cinema orientale sforna spesso capolavori assoluti :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.