Passa ai contenuti principali

Labirinto di passioni

Per il secondo film, Almodòvar non si smentisce, se per l'esordio ha optato per una storia al femminile sui generis, con una pellicola talmente insolita da essere considerata un autentico cult movie, con Labirinto di passioni, aumenta ancora di più la posta in gioco, facendo di questo film l'autentico ritratto della movida spagnola.
Film ancora più eccessivo del precedente, mette in scena l'amore e il sesso, parlando non dei personaggi, ma ai personaggi, sono loro che si mettono in primo piano a narrare le loro storie, le loro avventure,  i loro problemi, le loro crisi, le loro ossessioni, il sesso è il principale argomento del film che vede protagonista Sexilia (una irriconoscibile Cecilia Roth,) che in seguito lavorerà con Pedro ad altre pellicole della sua filmografia, una ninfomane, figlia di un ginecologo che rifiuta il sesso e aiuta le coppie ad avere figli con l'inseminazione artificiale, attorno a lei si muovono vari personaggi, un principe islamico fuggito di casa perchè crede di essere gay, la principessa che sarà la prima donna che si porterà a letto e che gli farà capire di essere in realtà etero, altre coppie più o meno eccentriche in un turbinio passionale che come da titolo è un labirinto nel quale è facile perdersi, qui Almodòvar è ancora spensierato, lontano dal dolore di altre pellicole e dalla loro serietà, qui è provocatorio, spensierato, spudorato, scandaloso, e chi più ne ha, più ne metta, un film giocato tutto sul sesso, ancora lontano dai vertici che faranno di Almodòvar il grande regista che conosciamo, il talento c'è e si vede, ma è ancora grezzo, anche se il gusto per la provocazione e il kitch lo ha sempre avuto, soprattutto nelle prime opere, siamo in piena movida dopo tutto, quindi via libera alle provocazioni, ai doppi sensi, alle passioni, il film potrebbe anche non piacere visto la trama stratosferica, eppure nel suo insieme è divertente a guardarlo, film piuttosto lontano dai capolavori come Donne sull'orlo di una crisi di nervi o anche La legge del desiderio, che seppure grezzo quest'ultimo film, già presentava un discreto passo avanti che avrebbe continuato con il primo ovvero Donne sull'orlo di una crisi di nervi, ma che già presenta alcuni temi, in forma di commedia ovviamente che saranno presenti nel cinema futuro di Pedro, come la passione carnale, sessuale.
Ripeto, non un film per tutti, ma sicuramente un film per molti, soprattutto se si apprestano come la sottoscritta a diventare fans sfegatati del grande maestro spagnolo.
Ps: Si vede che ormai sono fan di Pedro eh? XD
Ps2: Tra le scene da ricordare senza dubbio, quella del regista, e quella in cui Almodovar, truccato e coi tacchi a spillo ballicchia una canzone punk.
DA COLLEZZIONARE.


Commenti

  1. Questo non l'avevo nemmeno mai sentito.
    Segno.
    Sembra interessante.
    Grazie.

    RispondiElimina
  2. Segna Melinda, ma non mi dici mai se li vedi e ti piacciono però eh? Hahahaha, comunque quando lo fai vieni a dire qui se ti sono piaciuti ok? XD

    RispondiElimina
  3. Quando li ho visti tornavo a dirtelo, e così farò.
    Solo che in questo periodo segno solo :D

    RispondiElimina
  4. e allora? Forza, prendi il mulo per le orecchie e guardatelo ne vale la pena, poi stiamo parlando di Almodovar, il grande maestro spagnolo, i suoi film non possono mancare in una collezzione che si rispetti ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…