Passa ai contenuti principali

Anonymous

Ebbene si, lo dobbiamo dire, quando ci vuole ci vuole, finchè Emmerich se ne stava in mezzo agli alieni, o tra lo stargate etc etc etc, ha fatto film di intrattenimento godibili che riuscivano a divertire ma soprattutto a far riflettere, indimenticabile il finale di ID4 con Will Smith e Jeff Goldblum che fanno il culo agli alieni col virus da pc, ma ormai sono tempi lontani, ecco che Emmerich decide di cambiare genere, e tocca niente popo di meno che il grande bardo, e un possibile inganno su chi era veramente che ha scritto quei capolavori, da Romeo e Giulietta, a Otello, fino ad Amleto e via dicendo, risultato, una noia mortale.
Emmerich si muove come un elefante in una cristalleria, ha per le mani la creta della storia ma non sa plasmarla sotto le sue mani, quella creta rimane fredda, rigida, non si modella secondo il gusto del regista che qui si trova di fronte a un soggetto che non gli appartiene e si nota parecchio, ci sono lunghi campi di inquadrature, discorsi e dialoghi che avrebbero fatto meglio ad accorciare in modo da "snellire la storia", insomma quello che doveva essere un piccolo giallo che avrebbe dovuto incollare lo spettatore allo schermo, si rivela un polpettone mal riuscito, ricchissimo di costumi d'epoca, scenografie, che POMPANO la storia per renderla grandiosa, ma il succo, cioè la trama rimane fermo lì, e gli attori si muovono come marionette incapaci di dare spessore ai loro personaggi, insomma un film mal riuscito, che forse è stata un occasione mancata per Emmerich per dimostrare di sapere fare qualcosa di diverso da storie di fantascienza, di cui ovviamente si sente più a suo agio e sono assolutamente migliori di questo film, il giallo, rimane un giallo, lo spunto della vicenda su chi era Shakespeare, o chi c'era dietro termina in maniera anonima, senza pathos, quando dovrebbe far ribollire il sangue dello spettatore, o dare un po' d'azione, invece Emmerich ha scelto la via del romanticismo che non gli si addice affatto.
DA EVITARE.



Commenti

  1. per me è meglio dei film con gli alieni e i catastrofici di emmerich (stargate a parte).

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.