Passa ai contenuti principali

Cars 2

Secondo capitolo di Cars, ritroviamo i nostri amici Saetta McQueen e Carl Attrezzi, stavolta sono alle prese con una gara automobilistica truccata, Saetta chiama Carl detto affettuosamente Cricchetto per la gara, ma qualcosa non quadra, da subito ci sono strane coincidenze e strani individui che cercano in tutti i modi di sabotare la gara con strani incidenti, ma prima avviene il litigio tra Cricchetto e Saetta che allontanerà l'amico perchè lo crede colpevole visto che ha trovato dell'olio nel pavimento del suo box, ma appena le cose piano piano appaiono per come sono in realtà saetta cerca di scoprire l'inganno anche grazie ad altre macchine che partecipano alla gara, e come il migliore dei detective riuscirà a scoprire l'inganno, dietro agli incidenti c'era un losco individuo che voleva lanciare il suo prodotto e per farlo ha iniziato a sabotare le gare...Ovviamente anche Cricchetto con la sua presenza smaschererà i colpevoli.
Un film d'animazione divertente, che rispetto al primo capitolo è piuttosto giù di tono, ma si lascia vedere benissimo, la disney pixar ha fatto di meglio, ma comunque questo secondo capitolo l'ho trovato accattivante e coinvolgente, un buon prodotto di intrattenimento, di certo non è un ottimo film, le macchine sembrano gonfiate nelle scene delle corse, ma tutto sommato riesce a divertire nell'ora e mezza che lo si vede, non è da buttare via, di certo hanno fatto di meglio John Lasseter e company, si pensi a Toy Story che è ormai diventato una saga cult, il meglio di questo film è sicuramente la trama, che da ritmo ed energia alla pellicola, e la rende godibile.
Per la regia, abbiamo due registi, ma se ci fosse stato solo Lasseter il film ne avrebbe guadagnato in qualità.
Bellissime le sequenze ambientate in italia, con la gara tra saetta e la macchina italiana che parla napoletano l'ho trovata molto divertente, il film resta un buon prodotto di intrattenimento che fa gola soprattutto al pubblico dei più piccoli.
DA VEDERE.




Commenti

  1. Cars mi è piaciuto molto. Il 2° però ancora non ho avuto modo di vederlo. Rimedierò col mio nipotino :)

    RispondiElimina
  2. allora ti dico subito che il tuo nipotino si divertirà :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.