Passa ai contenuti principali

Il fiore del mio segreto

Ed ecco un altro piccolo capolavoro diretto dal grande maestro spagnolo, come ormai lo chiamo affettuosamente da quando è iniziata la rassegna a lui dedicata, e si, ci troviamo di fronte a un altro passo in avanti della filmografia di Pedro, protagonista la grande Marisa Paredes, nel rulo di Leo, una scrittrice di romanzi rosa che firma le sue opere sotto lo pseudonimo di Amanda Gris, e si trova a un bivio nella sua vita, il marito sta per abbandonarla, la madre e la sorella litigano sempre, e i suoi romanzi da rosa virano verso il nero, ma quando il marito la lascia e lei tenta il suicidio, un amico che ha conosciuto da poco forse sarà colui che salverà il suo cuore, ma per capirlo ha bisogno di trovae le sue radici...
ci troviamo di fronte a un film affascintante, maturo, coraggioso, il personaggio di Leo è scritto appositamente per Marisa Paredes, che negli anni novanta sarà la musa di Pedro, un film che comunque aggiunge moltissimo alla sua filmografia, semplice, diretto, sincero, affettuoso, diretto da un autore in stato di grazia e particolarmente ispirato, e interpretato da una protagonista in forma smagliante, siamo ancora lontani da capolavori assoluti come Parla con lei, Tutto su mia madre e Volver, eppue ci troviamo di fronte a un opera che piano piano ci porterà a quei livelli, qui Almodòvar inizia a dimostrare la maturità che verrà fuori attraverso le pellicole citate di sopra, e che faranno di lui l'autore osannato in tutto il mondo, tranquilli, ci stiamo arrivando all'epoca in cui ho iniziato a seguirlo, e rivedendo questo film mi sono accorta della cura con cui Pedro dirige un suo film, la sua voglia di migliorare, di esprimere concetti diversi dagli stravaganti ed eccessivi film degli esordi, e il cast non è da meno, riesce ad esprimere i sentimenti non come burattini diretti dal regista, ma  attraverso il regista riescono a creare una alchimia che si trasmette nel pubblico.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. Sembra molto bello!
    Segno :D

    P.s. Ormai sul tuo blog "segno" sembra la mia firma ahahaah!

    RispondiElimina
  2. Sai che non ho mai visto un suo film??? :°(

    RispondiElimina
  3. aaaaaaah allora devi cominciare, ti consiglio di vedere quello che preferisco io Tutto su mia madre, poi donne sull'orlo di una crisi di nervi e infine gli altri ^^ dimmi se ti sono piaciuti ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.