Passa ai contenuti principali

Matador

Lui  Diego, è un ex torero che svolge ormai l'attività di allenatore per giovani matador, Lei, Maria, è un avvocato con la passione di uccidere i suoi amanti con un forcone nel momento culminante dell'amplesso, come farebbero i matador durante la corrida l'altro è un ragazzo fragile che vive un rapporto simbiotico con Diego e che si prende la colpa dei loro delitti, un triangolo passionale e sconvolgente che culminerà in modo ossessivo, la sintesi di Matador è tutta qui, Almodovar dirige il suo primo thriller a tinte forti, e l'argomento che tratta Matador E' a tinte forti, l'ossessione per il sangue dei due protagonisti si scontra con la fragilità di  un giovane che è l'opposto a loro, già nell'incipt sanguinoso capiamo quanto sia grande l'ossessione per il sangue di Diego, che lo vediamo masturbarsi davanti a un film dove ci sono seghe che tagliano la testa, delitti, uccisioni varie tutte raccolte in un unico nastro, tanto per assaporare l'eccitazione che gli causa il sangue, ma Diego è anche un assassino, ha uccido anche due ragazze, i cui corpi sono scomparsi, quando poi Maria assiste Angel, il ragazzo autoaccusatasi dei delitti, le cose cominciano a peggiorare, il rapporto tra i due diventa ossessivo, morboso, perchè sono entrambi uguali, hanno la stessa fame di sangue, la stessa ossessione di uccidere, che mescolata con l'attrazzione erotica tra i due, quasi come se si fossero riconosciuti, come se sentissero a pelle che hanno un affinità elettiva mettono prima a rischio il rapporto tra Diego e la sua fidanzata, poi diventa chiaro che Angel non è l'autore dei delitti perchè mai i corpi delle ragazze sono state trovate nel giardino della casa di Diego? Poi si viene a sapere che il ragazzo alla vista del sangue sviene, non può essere lui l'assassino, come scoprirà la polizia il colpevole? E riuscirà a fermare questa catena di delitti?
Un film immenso, donato di una regia magistrale come la sceneggiatura, un opera passionale e sanguinosa diretta da un autore che comincia a capire chi è e che cosa vuole e soprattutto sa come donarlo al suo pubblico.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.