Matador

Lui  Diego, è un ex torero che svolge ormai l'attività di allenatore per giovani matador, Lei, Maria, è un avvocato con la passione di uccidere i suoi amanti con un forcone nel momento culminante dell'amplesso, come farebbero i matador durante la corrida l'altro è un ragazzo fragile che vive un rapporto simbiotico con Diego e che si prende la colpa dei loro delitti, un triangolo passionale e sconvolgente che culminerà in modo ossessivo, la sintesi di Matador è tutta qui, Almodovar dirige il suo primo thriller a tinte forti, e l'argomento che tratta Matador E' a tinte forti, l'ossessione per il sangue dei due protagonisti si scontra con la fragilità di  un giovane che è l'opposto a loro, già nell'incipt sanguinoso capiamo quanto sia grande l'ossessione per il sangue di Diego, che lo vediamo masturbarsi davanti a un film dove ci sono seghe che tagliano la testa, delitti, uccisioni varie tutte raccolte in un unico nastro, tanto per assaporare l'eccitazione che gli causa il sangue, ma Diego è anche un assassino, ha uccido anche due ragazze, i cui corpi sono scomparsi, quando poi Maria assiste Angel, il ragazzo autoaccusatasi dei delitti, le cose cominciano a peggiorare, il rapporto tra i due diventa ossessivo, morboso, perchè sono entrambi uguali, hanno la stessa fame di sangue, la stessa ossessione di uccidere, che mescolata con l'attrazzione erotica tra i due, quasi come se si fossero riconosciuti, come se sentissero a pelle che hanno un affinità elettiva mettono prima a rischio il rapporto tra Diego e la sua fidanzata, poi diventa chiaro che Angel non è l'autore dei delitti perchè mai i corpi delle ragazze sono state trovate nel giardino della casa di Diego? Poi si viene a sapere che il ragazzo alla vista del sangue sviene, non può essere lui l'assassino, come scoprirà la polizia il colpevole? E riuscirà a fermare questa catena di delitti?
Un film immenso, donato di una regia magistrale come la sceneggiatura, un opera passionale e sanguinosa diretta da un autore che comincia a capire chi è e che cosa vuole e soprattutto sa come donarlo al suo pubblico.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD