Passa ai contenuti principali

Nightmare on Elm Street

Come dico sempre io i remake a cosa servono? Me lo chiedo e la visione di questo film è la conferma che toccare un capolavoro come il Nightmare di Craven che è uno degli horror che hanno fatto la storia è come prendere un po' Orson Welles è rifare quarto potere, ma come sempre il remake non è all'altezza dell'originale, forse l'esempio è esagerato, ma comunque ci sta, perchè? Perchè i remake sono inutili come il miele nelle patatine fritte, se l'originale aveva un suo perchè e un suo motivo, questo remake fatto in questi anni non sta da nessuna parte, la regia fa acqua da tutte le parti, come le interpretazioni degli attori, che sembrano usciti da un teen drama di quarta categoria, e pensare che nell'originale c'era anche  un attore che sarebbe diventato uno dei talenti giovani di Hollywood Johnny Depp, questo remake non fa paura per niente, non ha originalità è un horror con scene fini a se stesse, una ripetizione di un personaggio divenuto icona negli anni ottanta perchè era l'epoca giusta per Freddie Krueger, ora il babau che ha fatto diventare famoso Wes Craven generando una saga che ancora oggi si ricorda, con questo remake diviene una pallida imitazione di ciò che è stato il personaggio negli anni ottanta, che con l'interpretazione di Robert Englund aveva dato gli incubi a milioni di adolescenti di tutto il mondo amanti del genere horror e no, questo sembra un fantoccio senz'anima che getta ombra al film divenuto ormai un classico del cinema di genere, mi chiedo perchè rifare Nightmare? Che motivo c'era? Lo dico subito, soldi, ecco il motivo di tutti questi remake, che non aggiungono nient'altro che ombra a capolavori che hanno fatto la storia del cinema, vale la pena sprecare soldi per un remake quando l'incipt è ancora più crudele e manca di quella genialità del suo creatore Wes Craven con una violenza fine a se stessa?
Per non parlare del resto, Krueger per tutto il film è un ombra, non si vede mai, non c'è emozione, non c'è brivido, non c'è paura, solo fastidio per scene fini a se stesse, che non aggiungono nulla di nuovo ad una saga ormai conclusa tranne della volontà del suo autore di prendere un personaggio mitico, buttare i soldi e rifarlo secondo la sua banale visione.
DA EVITARE.




Commenti

  1. Sono d'accordissimo con te!!!

    RispondiElimina
  2. anche io, qui produce soltanto, menomale anzi peggio hahaha perchè ci ha messo un regista che con l'Horror ha poco a che fare, ma poi perchè fare il remake di Nightmare quando l'originale basta e avanza?

    RispondiElimina
  3. Concordo che il film stava bene nel suo contesto, con tutto lo spirito del tempo. Purtroppo Hollywood è a cortissimo di idee. Non l'ho visto e penso che al momento non lo vedrò.

    RispondiElimina
  4. Sono nati prima gli artigli di Wolverine o di Freddy? Nel cinema di Nightmare... ma nel 1975, sui fumetti Marvel nascono gli artigli di Wolverine, a mio avviso un grande plagio...

    RispondiElimina
  5. si in effetti non hai tutti i torti, anche se nightmare è un film horror XD ti consiglio di leggere la rece del film originale, quello è un supercapolavoro del cinema horror ^^

    RispondiElimina
  6. Se parliamo di idee provate a vedere l'artiglio che usa l'assassino in "Sei donne per l'assassino" di Mario Bava. Anno 1964!

    RispondiElimina
  7. aaaaaaaaah grazie per la chicca Occhio XD

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.