Passa ai contenuti principali

Il Debito

Un oscuro passato che ritorna, un sequestro di persona andato male, una figlia che ha scritto un libro su quel sequestro, una verità incoffessabile, c'è tutto questo e molto più nel film diretto da John Madden autore tra l'altro del premiato Shakespeare in love che si ricorda più per l'oscar a Gwyneth Paltrow che per gli effetti meriti artistici del film stesso, questo film presenta uno script all'apparenza impeccabile e appetitoso che ha le carte in regola per essere un buon prodotto di intrattenimento, sulla carta, ma nei fatti nonostante ci sia una recitazione di attori del calibro di Helen Miller e Tom Wilkinson non decolla del tutto, più che un film d'autore è un film d'attori, menzione speciale agli attori citati sopra che con la loro bravura riescono a rendere la pellicola accessibile al grande pubblico, la regia di Madden filma in modo impersonale la storia, senza caratterizzarne affondo i personaggi, limitando a filmare quello che accade, la storia in pratica è questa, dopo la seconda guerra mondiale un gruppo di giovani appartenenti ai servizi segreti israeliani che devono rapire un criminale nazista, non andrà per niente bene, perchè quel criminale scapperà...e si deciderà di insabbiare il tutto tenendo questo segreto dentro di loro e dando al mondo un altra versione della storia, quella stessa versione raccontata dalla figlia di due di loro, ma a poco a poco le voci di una possibile scoperta di questo criminale si fanno più insistenti, che fare?
Il film è abbastanza retorico, e questo è forse un suo limite, ma presenta una storia piuttosto appetitosa, che se fosse stata sviluppata in modo differente ne sarebbe uscito un grande film.






Commenti

  1. in questo film mi è piaciuta un'enorme jessica chastain!
    per il resto un thrillerino guardabile ma niente più... (in effetti è troppo retorico)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.