Passa ai contenuti principali

La legge del desiderio

Almodovar firma il suo film che lo fa conoscere al pubblico italiano, nel 1987 esce la legge del desiderio, la storia è complicata ma è affascinante, protagonista un regista omosessuale al centro di un triangolo amoroso, tra Juan che ricambia il suo amore e Antonio che si rivela ossessivo e vuole avere l'esclusiva dell'amore di Pablo, ma non è tutto per completare il pacchetto arriva Tina, un tempo fratello di Pablo ora transessuale che si prende cura di una bambina perdutamente innamorata di Pedro ma che è molto attaccata alla religione, la storia del film è questa qui, Almodovar dirige questo film e nonostante vi siano scene che molti potrebbero etichettare come provocatorie, si pensi alla masturbazione iniziale durante le proiezioni del film di Pablo, esso è invece un film in cui le provocazioni non appaiono come provocazioni, ma sono un tuttuno con la storia, regalando brio, ritmo, calore, ed eccitazione, perchè è una storia passionale, caliente, inebriante, e viene raccontata con brio e felicità, tutto reso in modo talmente naturale e normale da risultare innocente e per nulla peccaminoso o pruriginoso, bravissimi Antonio Banderas e Carmen Maura, nel ruolo di Tina il trans, espediente che in futuro Pedro riprenderà nel capolavoro Parla con Lei per il ruolo di Agrado, sceglierà una donna vera.
E' un film fresco, drammatico, tutto giocato sui doppi sensi e sulla passionalità, un opera lontana dal cinismo di altre pellicole che faranno di Almodòvar il grande regista che consideriamo adesso, non è un capolavoro ma è sicuramente un piccolo grande film, il primo che tocca esplicitamente l'ambiguità sessuale e l'omosessualità ma in maniera rispettosa, facendo un film passionale e carnale, di sicuro è un opera da non perdere, soprattutto per l'originalità e la trasgressione mista a passionalità.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Un piccolo film d'annata...vederlo dopo un pò di tempo è ancora più buono. Bello grezzo e acerbo

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.