Passa ai contenuti principali

L'ospite inatteso

Ecco un piccolo film che sa di poesia, una bella boccata d'aria fresca ogni tanto ci vuole nel grande calderone dell'industria cinematografica, L'ospite inatteso è proprio uno di quei film che ti conquistano con semplicità, senza bisogno di rafforzamenti, o altre diavolerie, la storia è abbastanza semplice, e narra di un professore ormai annoiato e senza alcuno stimolo, va a New York per una presentazione del libro di una collega a malavoglia, perchè la collega è incinta e la gravidanza è difficile quindi si trova a letto per nove mesi, così al suo posto va Walter, che si trova nel suo appartamento due giovani, con problemi di permesso di soggiorno, i due giovani sono Tarek, che suona il tamburo in un complesso Jazz, e la sua ragazza, l'africana Zainab, disegnatrice di gioielli, dopo l'iniziale sorpresa i tre costruiscono un rapporto d'amicizia facendo ritrovare il gusto per la vita al professore e cambiando in un certo senso la sua vita e la percezione che aveva su di essa, finchè per una banalità, Tarek viene arrestato perchè creduto terrorista...
un film leggero, suadente, capace di coinvolgere lo spettatore e anche di divertirlo, e soprattutto di farlo riflettere, sull'umanità e sugli imprevisti della vita che spesso ci portano a conoscere persone capaci di farci ritrovare, il gusto per la vita e anche di farci conoscere passioni nascoste che non credevamo potessero esistere, è quello che succede a Walter quando suona il tamburo con Tarek, poi il tono si fa drammatico, soprattutto quando Tarek verrà arrestato e rispedito dove era venuto, la cosa che conquista di questo film è il valore dell'amicizia che McCarthy sintetizza, facendo capire che tutti gli uomini infondo sono uguali, basta essere più disponibili e porgere la mano all'amicizia verso gli stranieri, e sarà proprio questa amicizia a cambiare la vita di Walter in meglio, nonostante non sia riuscito a liberare l'amico, memorabile la scena in cui suona da solo il tamburo dentro la stazione del metrò e le persone lo osservano estrefatte, il messaggio del film è la tolleranza, che dona il valore dell'amicizia, molto spesso ritenuto superficiale, si siamo incapaci di guardare infondo a noi, Walter lo fa e si ritrova cambiato in meglio, consce anche il valore dell'altruismo, ce ne vorrebbero diversi film del genere, in conclusione, un piccolo grande film da non perdere assolutamente.


Commenti

  1. molto carino! e l'attrice palestinese, Hiam Abbas, devi ammirarla anche in questo film: Il giardino di limoni

    RispondiElimina
  2. si l'ho visto ecco dove l'ho vista grazie robertino, prossimamente troverai la rece alla fabrica ^^

    RispondiElimina
  3. Hai fotografato bene lo spirito di questo film, piccolo eppure grande.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.