Passa ai contenuti principali

L'ospite inatteso

Ecco un piccolo film che sa di poesia, una bella boccata d'aria fresca ogni tanto ci vuole nel grande calderone dell'industria cinematografica, L'ospite inatteso è proprio uno di quei film che ti conquistano con semplicità, senza bisogno di rafforzamenti, o altre diavolerie, la storia è abbastanza semplice, e narra di un professore ormai annoiato e senza alcuno stimolo, va a New York per una presentazione del libro di una collega a malavoglia, perchè la collega è incinta e la gravidanza è difficile quindi si trova a letto per nove mesi, così al suo posto va Walter, che si trova nel suo appartamento due giovani, con problemi di permesso di soggiorno, i due giovani sono Tarek, che suona il tamburo in un complesso Jazz, e la sua ragazza, l'africana Zainab, disegnatrice di gioielli, dopo l'iniziale sorpresa i tre costruiscono un rapporto d'amicizia facendo ritrovare il gusto per la vita al professore e cambiando in un certo senso la sua vita e la percezione che aveva su di essa, finchè per una banalità, Tarek viene arrestato perchè creduto terrorista...
un film leggero, suadente, capace di coinvolgere lo spettatore e anche di divertirlo, e soprattutto di farlo riflettere, sull'umanità e sugli imprevisti della vita che spesso ci portano a conoscere persone capaci di farci ritrovare, il gusto per la vita e anche di farci conoscere passioni nascoste che non credevamo potessero esistere, è quello che succede a Walter quando suona il tamburo con Tarek, poi il tono si fa drammatico, soprattutto quando Tarek verrà arrestato e rispedito dove era venuto, la cosa che conquista di questo film è il valore dell'amicizia che McCarthy sintetizza, facendo capire che tutti gli uomini infondo sono uguali, basta essere più disponibili e porgere la mano all'amicizia verso gli stranieri, e sarà proprio questa amicizia a cambiare la vita di Walter in meglio, nonostante non sia riuscito a liberare l'amico, memorabile la scena in cui suona da solo il tamburo dentro la stazione del metrò e le persone lo osservano estrefatte, il messaggio del film è la tolleranza, che dona il valore dell'amicizia, molto spesso ritenuto superficiale, si siamo incapaci di guardare infondo a noi, Walter lo fa e si ritrova cambiato in meglio, consce anche il valore dell'altruismo, ce ne vorrebbero diversi film del genere, in conclusione, un piccolo grande film da non perdere assolutamente.


Commenti

  1. molto carino! e l'attrice palestinese, Hiam Abbas, devi ammirarla anche in questo film: Il giardino di limoni

    RispondiElimina
  2. si l'ho visto ecco dove l'ho vista grazie robertino, prossimamente troverai la rece alla fabrica ^^

    RispondiElimina
  3. Hai fotografato bene lo spirito di questo film, piccolo eppure grande.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.