Passa ai contenuti principali

One Day

Lone Scherfig ritorna al cinema dopo averla scoperta con il bellissimo An Education ritorna al cinema scegliendo come protagonisti due giovani attori attraenti e seducenti, Anne Hathaway, e Jim Sturgees, per una storia d'amore che si allontana dalle solite commediole tutte buoni sentimenti, per raccontare una love story che dura nel tempo ma che i protagonisti si vedono solo una volta l'anno, il film che è tratto dal romanzo di David Nichols Un giorno, segue l'evoluzione della vita di due persone Emma e Dexter, che si ritroveranno a vivere la stessa giornata tutti gli anni come se il destino avesse scelto per loro come anime gemelle l'uno per l'altro, ma per capire questo devono passare moltissimi anni, tra litigi, incomprensioni, riappacificazioni, la maturità di Emma che si scontra con la spensieratezza di Dexter e la sua frivolezza. Lone Scherfig si allontana dal drammatico  per raccontare una storia di sentimenti alla sua maniera, che sinceramente anche se non è un capolavoro risulta un opera di piacevole visione che mette come protagonisti due giovani attraenti, certo l'origine letteraria è di gran lunga migliore della pellicola, parole ormai che suonano come luogo comune ma che un recensore deve per forza scrivere, la pellicola invece soprattutto nella prima parte è vivace e frizzante, che sicuramente conquisterà il pubblico di giovanissimi e non solo, sinceramente è un film che non lascia l'amaro in bocca, la visione passa via facilmente e non annoia, e questo è di gran lunga un pregio che un difetto, la regia della Scherfig è vivace e allegra, proprio come la recitazione dei due protagonisti, che dire altro se non di collezzionarlo? Di certo se paragonato a film precedente non è allo stesso livello, l'unica cosa da fare è prenderlo così com'è e gustarselo, come una bibita frizzante senza preparare (almeno in questo film) i consueti fazzoletti che si usano in certe love stories, anche se il finale...bah non fatemi parlare troppo altrimenti vi tolgo la sorpresa.
DA COLLEZZIONARE.


Commenti

  1. Stavolta non dirò che lo vedrò perché...l'ho visto al cinema un mese e mezzo fa! :)
    Non ho letto il libro, che avevo messo nella lista da leggere, e quindi sono rimasta piacevolmente colpita dal film!
    Mi è piaciuto davvero tanto e credo che il regista sia stato bravo nel rendere il finale così sereno, non trovi? Io sono uscita dal cinema con il sorriso sulle labbra!
    La Hathaway e Sturgess li ho trovati bravissimi, mi sono piaciuti in ogni 15 luglio della loro vita!

    RispondiElimina
  2. anche a me sono piaciuti, poi è LA regista, una persona fantastica di cui ti consiglio di vedere assolutamente anche An Education che è fantastico ;)

    RispondiElimina
  3. Ah, già è donna...l'avevo dimenticato!
    Ok, An education me lo segno :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.