Passa ai contenuti principali

One Day

Lone Scherfig ritorna al cinema dopo averla scoperta con il bellissimo An Education ritorna al cinema scegliendo come protagonisti due giovani attori attraenti e seducenti, Anne Hathaway, e Jim Sturgees, per una storia d'amore che si allontana dalle solite commediole tutte buoni sentimenti, per raccontare una love story che dura nel tempo ma che i protagonisti si vedono solo una volta l'anno, il film che è tratto dal romanzo di David Nichols Un giorno, segue l'evoluzione della vita di due persone Emma e Dexter, che si ritroveranno a vivere la stessa giornata tutti gli anni come se il destino avesse scelto per loro come anime gemelle l'uno per l'altro, ma per capire questo devono passare moltissimi anni, tra litigi, incomprensioni, riappacificazioni, la maturità di Emma che si scontra con la spensieratezza di Dexter e la sua frivolezza. Lone Scherfig si allontana dal drammatico  per raccontare una storia di sentimenti alla sua maniera, che sinceramente anche se non è un capolavoro risulta un opera di piacevole visione che mette come protagonisti due giovani attraenti, certo l'origine letteraria è di gran lunga migliore della pellicola, parole ormai che suonano come luogo comune ma che un recensore deve per forza scrivere, la pellicola invece soprattutto nella prima parte è vivace e frizzante, che sicuramente conquisterà il pubblico di giovanissimi e non solo, sinceramente è un film che non lascia l'amaro in bocca, la visione passa via facilmente e non annoia, e questo è di gran lunga un pregio che un difetto, la regia della Scherfig è vivace e allegra, proprio come la recitazione dei due protagonisti, che dire altro se non di collezzionarlo? Di certo se paragonato a film precedente non è allo stesso livello, l'unica cosa da fare è prenderlo così com'è e gustarselo, come una bibita frizzante senza preparare (almeno in questo film) i consueti fazzoletti che si usano in certe love stories, anche se il finale...bah non fatemi parlare troppo altrimenti vi tolgo la sorpresa.
DA COLLEZZIONARE.


Commenti

  1. Stavolta non dirò che lo vedrò perché...l'ho visto al cinema un mese e mezzo fa! :)
    Non ho letto il libro, che avevo messo nella lista da leggere, e quindi sono rimasta piacevolmente colpita dal film!
    Mi è piaciuto davvero tanto e credo che il regista sia stato bravo nel rendere il finale così sereno, non trovi? Io sono uscita dal cinema con il sorriso sulle labbra!
    La Hathaway e Sturgess li ho trovati bravissimi, mi sono piaciuti in ogni 15 luglio della loro vita!

    RispondiElimina
  2. anche a me sono piaciuti, poi è LA regista, una persona fantastica di cui ti consiglio di vedere assolutamente anche An Education che è fantastico ;)

    RispondiElimina
  3. Ah, già è donna...l'avevo dimenticato!
    Ok, An education me lo segno :D

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.