Passa ai contenuti principali

Idioti

Scritto e diretto secondo le regole del dogma 95 manifesto cinematografico e voto di castità in cui le telecamere sono portate a spalla, si fotografa a luce naturale, senza scenografia nè colonna sonora, tranne una musichetta con la fisarmonica che rende più malinconico il film, possiamo dunque dire di aver di fronte il capolavoro assoluto di Von Trier, ovverossia il suo miglior film, ok lo dico senza troppi giri di parole, ho visto la versione italiana, cioè quella accorciata della famosa "ammucchiata" e sinceramente sarà stato anche un errore, ma non ho sentito il bisogno di vederla, il film l'ho apprezzato comunque, anche se con l'"ammucchiata" magari avrei dato un senso alla scelta dei protagonisti, ma questo per ora, almeno non lo saprò, vi saprò dire se con l'ammucchiata il film va bene lo stesso, dunque secondo capitolo di una trilogia iniziata con le onde del destino e terminata con il bellissimo Dancer in The Dark, questo è di gran lunga migliore di Dancer per diversi motivi, uno dei quali è il gruppo di esseri umani che fingono di essere idioti, per osservare l'umanità interaggire con loro, dico da subito che veramene questo film dovrebbe essere studiato anche nelle università, prima di tutto per imparare il valore della tolleranza, molto spesso dimenticato, il personaggio che mi è rimasto impresso tra gli altri è quello di Karen, donna molto timida che ha qualcosa dentro di se, un dolore che non riesce a fare uscire fino in fondo, ci riuscirà non appena farà uscire l'idiota che è in lei, potremo vedere il film come un esperimento, un esperimento al dolore, alla vita, e al mondo che gira intorno a loro, si arriverà che ognuno riesce ad uscire cose dentro di se che non credeva esistessero, ma è anche una risposta alla vita perbenista e borghese del mondo, che etichetta sempre ogni cosa plasmando le menti a loro immagine e somiglianza, l'idiozia è la chiave per essere se stessi? E' forse questo il messaggio di Von Trier?
CAPOLAVORO ASSOLUTO.


Commenti

  1. "il capolavoro di Von Trier" mi pare troppo, sicuramente ha della "unicità" e, come tutti gli altri, è da vedere assolutamente. il resto dell'analisi la condivido e l'orgia, se l'autore l'ha messa è perché andava messa, nel senso che quella è la sua visione del film e a parte il sesso esplicito è anche un momento molto divertente.
    ciao :)

    RispondiElimina
  2. ah va bene, ho cercato di esprimere le sensazioni che mi ha dato il film che sono state molto positive, cercherò la version con l'orgia tanto per vedere XD, comunque si, è un grandissimo film davvero credevo che Von Trier fosse un autore ostico ma mi ritrovo un autore completamente folle ma dal talento unico...e solo lui poteva dirigere un film come idioti :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.