Passa ai contenuti principali

Hanna

Joe Wright, tolti i panni del cinema in costume, dirige una storia completamente all'opposto delle pellicole con cui l'abbiamo conosciuto, tolti i panni letterali di Jane Austen e altre scrittrici ecco che dirige un film d'azione, spiazzando tutti quanti.
Hanna è magnificamente interpretato da Saoirse Ronan, già interprete del bel film di Peter Jackson Amabili Resti, dove interpretava una ragazza uccisa da un maniaco, qui, invece veste i panni di una ragazzina che è cresciuta con il padre in messo alle nevi dell'Islanda, il padre l'ha addestrata per farne un assassina, lontana dal mondo civile, la ragazza attraverso le arti, sente il bisogno di scoprire il mondo che non conosce, e anche conoscere persone come lei, una cosa assolutamente normale per una adolescente della sua età, ma la ragazzina non ha fatto i conti con una spietata agente segreta che fa parte dei servizi deviati, che a suo tempo lavorano con dei mercenari Marissa Vielger, che si mette in cerca della ragazzina.
Hanna, nel frattempo si è unita ad una famiglia per fare una vita diversa da quella che conduceva, e vivere come una ragazzina normale, non sarà così, Marissa e la sua banda, faranno in modo che la ragazza ritorni ad essere quello per cui è stata addestrata, lasciando una scia di cadaveri attorno a lei, e così Hanna ritorna quella che è, un assassina ma per salvarsi la vita, quando scoprirà la verità sulla sua vita e capirà molte cose per la ragazza sarà terribile e continuare ad essere una ragazza normale le sarà oltretutto impossibile.
Joe Wright, dirige un film duro, spietato nella narrazione e nei ritmi, un film d'azione che si allontana da pellicole precedentemente girate come Espiazione, e Orgoglio e pregiudizio, ma che riesce a lasciare la sua impronta, grazie a una regia serrata che fa centro a primo colpo, e uno script di forte impatto, bravissima Saoirse Ronan, come pure Cate Blanchett - in un ruolo di cattiva non l'avevo vista, ma la sua Marissa fa impietosire chiunque - e Eric Bana, che nonostante la sua sia una prova di mestiere non fa sfigurare l'interpretazione di Saoirse.
Memorabili le scene d'azione e di inseguimento, sono da cardiopalma e mantengono alta l'attenzione del pubblico.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. Certo non un Capolavoro, ma sicuramente un film molto interessante.
    Wright, del resto, mi aveva già convinto con Espiazione.

    RispondiElimina
  2. io direi un ottimo film :) riesce a mantenere l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.