Passa ai contenuti principali

Robin Hood

Ahi, ahi, ahi, Ridley Scott, prendendo l'ormai attore feticcio Russell Crowe, che da Il Gladiatore in poi ha formato insieme a lui ormai una premiata ditta, o meglio una squadra vincente, stavolta il detto che squadra vincente non si cambia non va a centro, il suo Robin Hood risulta una pellicola piuttosto stereotipata e superficiale, con lo stesso Crowe che dimostra più di una volta di essere fuori parte, il suo è il ruolo all'attore sbagliato nel film sbagliato, non convincono le scene di lotta e di battaglie, neanche stiamo vedendo la seconda parte del gladiatore, di cui è un insolito successore, si lo so sono parole grosse, ma Crowe non ha lo stesso carisma che aveva Kevin Costner ne il suo principe dei ladri, che era intrigante e riusciva a tenere l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine, con scene divertenti, in questo film Scott dimostra che è indeciso su quale strada percorrere, ci troviamo di fronte forse un opera poco ispirata questa volta di Scott, l'autore di Blade Runner in passato ha fatto cult davvero memorabili, restano comunque le interpretazioni degli attori che bene o male fanno rendere il film guardabile.
Scott dirige un opera che non aggiunge nulla di nuovo alla sua filmografia recente e soprattutto passata, facendo in modo di rasentare la noia, e questo è un difetto soprattutto perchè abbiamo davanti un film d'avventura, che dovrebbe avere tutti gli ingredienti giusti, sembra che Ridley abbia preso la pietra, l'ha gettata, ma non ha avuto il coraggio di andare fino infondo, queste scene di lotta, rendono il film un po' pesante alla visione, è come se avesse rifatto Il Gladiatore, Solo che stavolta c'è Robin Hood al posto di Massimo Decimo Meridio, e Lady Marian al posto della sorella dell'imperatore romano, Ridley Scott rifà se stesso, dirigendo un film senza innovazione stilistica, e soprattutto senza alcuna novità o genialità, peccato.
In conclusione un film riuscito a metà, che non fa rimpiangere le versioni differenti di Robin Hood, se posso cerco quello con Kevin Costner e lo recensisco perchè è di gran lunga migliore di questo.




Commenti

  1. Robin Hood è solo quello con Kevin Costner! il migliore in assoluto

    RispondiElimina
  2. Questa versione mi manca, ma tanto io amo la volpe :)

    RispondiElimina
  3. concordo Lorant, quello è il migliore :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.