Passa ai contenuti principali

Immortals 3D

Immortals segna il ritorno di Tarsem Singh al cinema dopo il trionfale The Fall, che recensirò prossimamente.
Immortals invece si distanzia dalla pellicola precedente, è più vicina a pellicole come 300, con scenografia grandiosa, costumi e scene che somigliano più a fotografie patinate, come uno spot grandioso, pomposo, che ne appesantisce le potenzialità, e Immortals quelle potenzialità ce li ha, per essere un film ben fatto, ma tra i grandi limiti del film c'è una certa superficialità nell'ingranaggio registico e nella descrizione dei personaggi, la regia offre forse lo spunto più interessante anche se è palesemente sottotono, sinceramente preferisco di gran lunga Il Gladiatore anche se è e resta uno dei film sopravvalutati degli ultimi dieci anni, ma presentava una regia che bene o male ne salvava i contenuti, in questo Immortals contenuti non ce ne sono, al di fuori delle epiche lotte girate con una certa tecnica ed epiche battaglie, lo spunto si limita solo a costruire un opera pop, dalla fotografia impeccabile e da una certa spocchiosità che appesantiscono l'impatto emotivo dello spettatore.
Per la prima volta Tarsem lavora per mandato? Eppure con The Fall ha dimostrato un talento da far credere in opere cinematografiche di gran lunga migliori, anche se rimaneva una pellicola per pochi, ma si ammirava il coraggio e l'inventiva artistica del suo regista, capace di grandi storie fatte col cuore, qui invece non c'è cuore, ci sono forse i quattrini della casa produttrice e si nota, per la prima volta scende a compromessi, speriamo che sia una fase passeggera che serve per produrre pellicole di gran lunga migliori, perchè lo ritengo un autore interessante fin dalla sua opera d'esoridio The Cell che a me è piaciuto, ma forse a molti no, sono ovviamente Guilty Pleasures di cui non mi nascondo per niente, anzi lo dico a gran voce, la trama del film prende spunto dall'epica greca L'eroe Teseo, dopo aver visto morire la madre cerca di vendicarla fermando Iperione che vuole liberare i titani per prendere l'arco leggendario creato di Epiro, creato dal dio Ares, che gli permetterà di liberare i titani, per tutta risposta Zeus comanda gli dei di non intervenire nella guerra degli umani e sceglie un umano Teseo per sconfiggere iperione, ecco la trama è tutta qui, non c'è ne più nè meno, in conclusione un film deludende che non aggiunge nulla sia al genere cinematografico che alla filmografia di Tarsem, resto comunque in attesa di un altro film questa volta migliore.


Commenti

  1. Non mi attira molto questo film.

    RispondiElimina
  2. infatti, ha ragione Roby, meglio il peplum di una volta :)

    RispondiElimina
  3. Come dici te Arwen non aggiunge nulla al genere, anzi lo stravolge...per parlare di mitologia e storia greca ci vorrebbe un minimo di credibilità in più....e non diverte nemmeno, a parte qualche incursione luminosa degli Dei non è poi tutto sto spasso....

    Si, decisamente meglio il peplum...l'ultimo film ambientato in epoche del genre che mi ha entusiasmato è AGORA dello spagnolo Amenabar

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Liebster Award 2017

Innanzitutto mi scuso per il ritardo...di parecchi mesi.
Siccome non sono ipocrita ho deciso di premiare alcuni blog che ritengo amici, diciamo a quelli che secondo me meritano più attenzione.
Rintrazio S O L A R I S e anche Pietro Saba World che ringrazio di cuore, dunque le regole

1) Ringraziare e Rispondere alle 11 domande di chi ti ha premiato
2) Premiare gli 11 blogger meritevoli che non raggiungono i 200 followers
3) comunicare la vincita agli altri bloggers premiati
4)  Proporre ai premiati altre 11 domande

Ok alloooora, rispondo alle domande di Solaris
1 - Netflix e lo streaming (Legale) fanno bene o male al cinema?
Io dico che semplicemente sostituiranno la sala cinematografica, purtroppo le nuove tecnologie metteranno al bando i vecchi cinema, io spero vivamente di no...ma la realtà dei fatti purtroppo è questa :(
2- Mentre state vedendo un film al cinema fate silenzio assoluto oppure fate commenti con il vicino di poltrona?
Il silenzio è la regola principale, nessuno mi deve dis…

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.