Passa ai contenuti principali

Kika - un corpo in prestito

Per la prima volta Almodòvar dopo i trionfali Donne sull'orlo di una crisi di nervi e Tacchi a spillo dove dimostrava innovazione e talento soprattutto nel cinema corale, con Kika, nonostante ci sia sempre il gusto per il kitch riconoscibile persino dalle sue prime pellicole e per l'eccesso, è una pellicola che rasenta la confusione, qui Almodovar mette troppe cose, lo scrittore assassino, il figlio pieno di problemi e con il trauma della morte per suicidio (così ha detto Nicolas il suo patrigno) della madre, mettiamoci anche Kika che si divide tra i due, e anche una psicologa che presenta un programma tv trash dove fa vedere di tutto e di più, ci mettiamo ancora lo stupratore assatanato che si vede nella lunghissima scena a tre quarti di film dove Kika, la vittima, con questo fatto capisce che deve dare una svolta alla sua vita, la psicologa Andrea la sfregiata (Victoria Abril), cininca reporter che per il suo programma non guarda in faccia a nessuno, e trasmette qualsiasi cosa, per questo personaggio Almodòvar ha predetto il degenerarsi della televisione trash, da notare i costumi, che sono stati disegnati da Jean Paul Gautieur, ed è proprio Andrea che trasmette in prima serata lo stupro di Kika in diretta tv, come se fosse uno spot per famiglie.
Qui Almodòvar mette troppa carne alla brace, invece di scegliere il tema portante del film e il suo genere, mischia i generi, e ci mette di tutto e di più, Kika è una pellicola eccessiva, tra le minori finora dirette da Almodòvar e che a differenza delle altre non aggiunge niente di nuovo, un occasione mancata, un passo falso, ogni tanto capita, ma è solo questione di poco tempo, ben presto arriveranno capolavori di ben altra portata, menomale, comunquesia, si apprezza il coraggio e la trasgressione di questa pellicola, e soprattutto una certa critica verso i media, che vogliono trasmettere tutto senza comprendere che magari quello che trasmettono potrebbe ferire gli altri.


Commenti

  1. Dai, una caduta capita a tutti prima o poi. :)

    RispondiElimina
  2. Sono daccordissimo con la tua recensione, anche se non è un pessimo film e nemmeno il peggiore di Almodovar... a me ad esempio quello che meno mi è piaciuto della sua filmografia, e la conosco tutta, è stato il più recente "La mala educacion"

    RispondiElimina
  3. pensa che a me è piaciuto la mala educaciòn ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.