Passa ai contenuti principali

Tacchi a Spillo

Qui siamo nel film d'alta classe, un altro salto di qualità in avanti per quanto riguarda il maestro spagnolo, protagonista stavolta la grande Marisa Paredes, nel ruolo di Becky, cantante che torna a Madrid dalla figlia dopo tanti anni di assenza.
Il film è tutto  giocato nel rapporto di amore/odio tra una madre e una figlia, Rebecca (Victoria Abril) è una giornalista che lavora in televisione, ha sposato Manuel, ex amante della sua brillante mammina, che non si è presentata al matrimonio per - dice lei - motivi che riguardavano il suo lavoro e problemi personali, al suo ritorno la trova sposata al suo vecchio amore, che ci prova con lei, perchè il matrimonio con Rebecca ormai è finito, Rebecca dal canto suo ha una relazione con un uomo che si traveste da Becky facendo la sua imitazione Femme Letal, una sera arrivano al locale dove Letale si esibisce, e Rebecca finisce col fare l'amore con lui, le cose peggiorano quando Manuel viene trovato assassinato nel suo appartamento, con una vestaglia rossa addosso, Rebecca all'inizio nega un suo coinvolgimento nel fatto, ma poi le cose precipitano quando in diretta tv confessa l'omicidio del marito, viene subito arrestata, ma il giudice Dominguez (Miguel Bosè) non crede alla sua confessione, e cerca di capire come realmente si sono svolti i fatti, chi ha ucciso Manuel e perchè? Che rapporti c'erano tra Becky e Manuel? Perchè Rebecca ha sposato Manuel? Sono queste le domande che lo spettatore si fa per scoprire l'assassino, ma il film non è incentrato solo sul delitto uxoricida che coinvolge Rebecca, è incentrato principalmente sullo strano, morboso rapporto che esiste tra madre e figlia - ricordate che la madre nei film di Almodòvar ha quasi sempre un ruolo centrale - questo rapporto di amore e odio, di rivalità e competizione, di superiorità e inferiorità con cui Rebecca ha sempre vissuto non hanno fatto che minare la sua vita condizionandola, non facendola in un certo senso spiccare il volo, e Almodòvar sembra centrarlo piuttosto bene il discorso, sono loro e solo loro le protagoniste, tutto il resto è contorno che serve a loro per le loro sfuriate, per le loro ripicche, per le loro  incomprensioni e rancori, Almodòvar aggiunge un altro tassello magistrale alla sua filmografia, con questo film che è di per se un piccolo capolavoro in cui si respira l'aria di grande cinema, si pensi ai film drammatici americani di Douglas Sirk tanto per fare un esempio.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

Post popolari in questo blog

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…