L'indiscreto fascino del peccato

Pedro almodòvar, agli inizi di carriera era un autore curioso ed eccentrico, e la sua fama non si smentisce nemmeno nel terzo film della sua brillante carriera, ecco che racconta il peccato...peccato si ma a modo suo, infatti il titolo è l'indiscreto fascino del peccato, e come potrebbe essere il peccato secondo Pedro se non raccontare di suore che, scrivono libri porno, spacciano  e consumano cocaina ed eroina, che mettono persino nei dolci e dulcis in fundo, hanno persino una tigre da nutrire, saranno loro a redimere la fuggitiva Yolanda, cantante di nightclub che si vede costretta a fuggire dopo che il suo amante è stato ritrovato morto nella sua stanza, lei fugge per non essere accusata, e saranno proprio le sorelle che con le loro "liturgie" cercheranno di dare a Yolanda una ragione per riprendere la sua vita.
Film eccentrico e provocatorio, che ha tra le altre delle suore un po' particolari la cui filosofia di vita è se devi giudicare il peccato lo devi provare, non è nient'altro una commedia sui generis, ma che riesce a divertire lo spettatore oltre che farlo riflettere.
Per questo film ci sono le sue famosissime muse, Marisa Paredes e la famosissima Carmen Maura, che interpretano le due suore più peccaminose, c'è anche una suora lesbica che si innamora di Yolanda, ma non riuscirà a dire il suo amore per lei, e neanche a realizzarlo, un film divertentissimo e spregiudicato, un opera fresca diretta da un autore che vuole piacere al pubblico ma soprattutto vuole ironizzare sui dettami e le leggi della chiesa cattolica.
DA NON PERDERE.


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD