Passa ai contenuti principali

Europa

Ultimo capitolo della trilogia europea, girato in un bianco e nero ipnotico e con sprazzi di colore che anticipano ciò che Spielberg fece per Shindler's List con la bambina del cappotto rosso,, come dicevo prima terzo e ultimo capitolo dedicato all'europa, che viene rappresentata come un noir con strati di cinema spionistico, il film è ambientato subito dopo la seconda guerra mondiale e ha come protagonista un conduttore di treni, che deve prendere informazioni su una persona chiamata il lupo mannaro che deve essere eliminata perchè rischia di uccidere molte persone nell'attentato che sta svolgendo, nel frattempo conosce e si innamora di una donna la cui famiglia ha avuto rapporti coi nazisti e che ora cerca un riscatto, l'incipt del film è favoloso, si vedono rotaie di treno in movimento e poi si vede lui, il protagonista Leopold Kessler che si trova immischiato lui da americano nell'attività di resistenza durante l'occupazione americana.
Sincero, sentito, avvolte un po' fuori di testa Lars Von Trier prima di passare al Dogma 95 finisce la trilogia europea con cui termina un ciclo di cinematografia per poi iniziarne un altro con il bellissimo Le onde del destino.
Europa si presenta come un film curioso e particolare, non facilmente recepibile per chi ama il cinema di intrattenimento o puro divertimento, nonostante ciò è un opera avvincente dal primo all'ultimo fotogramma, la cui complessità si può perdonare da una regia astuta e vivace che in molte occasioni strizza l'occhio allo spettatore, Von Trier dimostra il suo grande talento di artista della settima arte, abbiamo di fronte un piccolo genio che si dimostrerà tale in numerose pellicole future, ebbene si, Europa è un piccolo oggettino di culto che non può mancare in una collezzione che si rispetti, ed ecco che non racconta la seconda guerra mondiale o l'olocausto come fanno parecchi cineasti, ma racconta ciò che avvenne alla fine, la resistenza, l'occupazione americana, ovverossia gli ultimi fuochi di una guerra senza giudicare o dire questo è colpevole o innocente, la racconta semplicemente e questo è un grande pregio del film, ha qualche difetto? Sinceramente non lo so, si è un opera un po' pesante, devi fare molto attenzione mentre la vedi, ma riesci comunque a visionarlo tranquillamente.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. Visto il tema, credo sia un film che mi piacerà!

    RispondiElimina
  2. Anche a me è piaciuto moltissimo (gli altri due molto meno).
    Ottimo commento.
    Però non hai citato una scena che dopo 10 anni ancora mi manda in crisi, quella dell'apnea. Davvero non riuscivo a respirare nemmeno io. A te non ha fatto nessun effetto?

    RispondiElimina
  3. si hai ragione, in effetti quella scena è incredibile, grazie per averla ricordata :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.