Passa ai contenuti principali

Anteprima - The House That Jack Built

Questo film ha fatto scappare parecchia gente a Cannes, dite che ha fatto scappare anche me? Restate in attesa del mio parere e lo scoprirete…




Ci siamo, ecco il mio parere…
Quando il film fu presentato a Cannes l'anno scorso, dopo l'assenza per lo scherzo nazi poco piacevole di Von Trier, secondo me fatto per far parlare di se...non perché ci credeva veramente, ecco che il danese geniale e cazzuto ne combina un altra delle sue.
Dirige un thriller su un uomo apparentemente comune, che sfoga la sua brutalità uccidendo varie persone che hanno la sfortuna di incrociare il suo cammino, prima vittima Uma Thurman, e senza un motivo valido, secondo me solo per il gusto e il piacere di uccidere, e il killer ha il volto pulito e fiducioso di un attore che non è nuovo ai ruoli ambigui...e secondo me gli calzano a pennello: Matt Dillon.
Secondo me, chi è scappato non è abituato a guardare certi film, io mi sono gustata l'ultimo lavoro del danese a casa mia, in tutta tranquillità, e avendo visto film molto violenti, posso dire che non mi sono impressionata più di tanto, anzi, l'ho trovato incredibilmente ben fatto, e molto molto diverso dalla trilogia sulla depressione che ha diretto anni fa.
L'impostazione è come un romanzo suddiviso in capitoli, e lo spettatore deve seguire le gesta folli di Jack, come se leggesse un romanzo, devo dire che mi è piaciuto, apparte l'impostazione a capitoli, vero vezzo d'artista geniale e un po' folle che il buon Lars non si fa mancare mai nelle sue opere cinematografiche.
Dopo tutto è il suo stile, non vi resta che accettarlo o meno, mi è piaciuto anche l'accostamento con l'arte, che secondo me è un modo per provocare lo spettatore.
Un buon regista e artista, deve essere disturbante, e Lars col suo cinema lo è, che vi piaccia o meno è il suo stile, il suo modus operandi, se non gradite passate ad altro, non tutto può piacere, a me è piacuto moltissimo The House That Jack Built, anche se non tocca i vertici del capolavoro, ma ci manca un pizzico così per arrivarci, e purtroppo il danese non lo tocca, come dico io poco importa, a me i thriller piacciono un sacco, come mi è piaciuto questo, che reputo di gran lunga uno dei migliori film dell'anno appena passato.
La rece mi sta venendo bene con il portatile eh? xD.
Comunque, aspetto il vostro parere su questo fantastico film, intanto vi consiglio la visione, e non abbiate paura delle scene disturbanti, è lo stile del buon Lars Von Trier.






Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.