Passa ai contenuti principali

Anteprima - The House That Jack Built

Questo film ha fatto scappare parecchia gente a Cannes, dite che ha fatto scappare anche me? Restate in attesa del mio parere e lo scoprirete…




Ci siamo, ecco il mio parere…
Quando il film fu presentato a Cannes l'anno scorso, dopo l'assenza per lo scherzo nazi poco piacevole di Von Trier, secondo me fatto per far parlare di se...non perché ci credeva veramente, ecco che il danese geniale e cazzuto ne combina un altra delle sue.
Dirige un thriller su un uomo apparentemente comune, che sfoga la sua brutalità uccidendo varie persone che hanno la sfortuna di incrociare il suo cammino, prima vittima Uma Thurman, e senza un motivo valido, secondo me solo per il gusto e il piacere di uccidere, e il killer ha il volto pulito e fiducioso di un attore che non è nuovo ai ruoli ambigui...e secondo me gli calzano a pennello: Matt Dillon.
Secondo me, chi è scappato non è abituato a guardare certi film, io mi sono gustata l'ultimo lavoro del danese a casa mia, in tutta tranquillità, e avendo visto film molto violenti, posso dire che non mi sono impressionata più di tanto, anzi, l'ho trovato incredibilmente ben fatto, e molto molto diverso dalla trilogia sulla depressione che ha diretto anni fa.
L'impostazione è come un romanzo suddiviso in capitoli, e lo spettatore deve seguire le gesta folli di Jack, come se leggesse un romanzo, devo dire che mi è piaciuto, apparte l'impostazione a capitoli, vero vezzo d'artista geniale e un po' folle che il buon Lars non si fa mancare mai nelle sue opere cinematografiche.
Dopo tutto è il suo stile, non vi resta che accettarlo o meno, mi è piaciuto anche l'accostamento con l'arte, che secondo me è un modo per provocare lo spettatore.
Un buon regista e artista, deve essere disturbante, e Lars col suo cinema lo è, che vi piaccia o meno è il suo stile, il suo modus operandi, se non gradite passate ad altro, non tutto può piacere, a me è piacuto moltissimo The House That Jack Built, anche se non tocca i vertici del capolavoro, ma ci manca un pizzico così per arrivarci, e purtroppo il danese non lo tocca, come dico io poco importa, a me i thriller piacciono un sacco, come mi è piaciuto questo, che reputo di gran lunga uno dei migliori film dell'anno appena passato.
La rece mi sta venendo bene con il portatile eh? xD.
Comunque, aspetto il vostro parere su questo fantastico film, intanto vi consiglio la visione, e non abbiate paura delle scene disturbanti, è lo stile del buon Lars Von Trier.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.