Passa ai contenuti principali

Camera Con Vista

Ho avuto l'occasione di vedere finalmente - dopo anni che ci provavo - Camera con Vista, scoprendo che per vedere l'intera filmografia di un regista, e cominciare una rassegna, ci vuole l'ispirazione giusta, quella che è cominciata il mese scorso, proprio prima di natale, volete sapere il mio parere in proposito? Restate con me e lo scoprirete.



Camera con Vista ha un origine letteraria, è l'adattamento dell'omonimo romanzo di E.M Forster, e a dirigere il tutto c'è un regista che mi ha sempre affascinato, sin da quando ho cominciato il mio percorso cinefilo: James Ivory, e visto i pochi mezzi che avevo, non sono mai riuscita ad approfondire, ci riuscirò quest'anno? Incrociamo le dita.
Allora dicevo, si tratta di una storia d'amore, tra due persone che si incontrano a Firenze, e che passano dei giorni straordinari scoprendosi innamorati, Lucy Honeychurch, interpretata da Helena Bonham Carter, e George Emerson, interpretato da Julian Sands.
I due si incontrano per caso, quando Lucy e sua cugina rimangono scontente del fatto che dalla loro camera non si vede la vista di Firenze, e proprio gli Emerson, offrono a loro la loro stanza, perché c'è una vista della città straordinaria.
Un film che narra la storia di un amore a cui i protagonisti non possono mascherare i loro sentimenti, è vivo, è fremente, e anche quando Lucy in Inghilterra, fidanzandosi con l'ordinario Cecyl, un giovanissimo Daniel Day Lewis, non può continuare la farsa di una unione fasulla, perché il sentimento che la lega a George è molto forte, e nessuno, nemmeno le loro condizioni sociali, sono in grado fi fermare quello che sentono l'uno per l'altra.
Un film magico, romantico, girato con estrema sensibilità da un regista capace di sorprendere anche con pochissime scene, e solo i grandi maestri sono capaci di fare emozionare il pubblico e sorprenderlo come ci riesce il grande James Ivory.
Non è il primo film che vedo di lui, ne ho visti diversi in passato, e proprio quest'anno mi è venuta voglia di conoscerlo, perché si sa, l'avidità di conoscenza per un cinefilo non è mai troppa.
Per quanto mi riguarda appariranno molto presto anche Maurice, altro film adattato da E.M. Forster e La Contessa Bianca.
E non finisce mica qui...presto ci saranno ulteriori sorprese.
E per quanto riguarda Camera Con Vista è un capolavoro, se non l'avete visto fatelo, sono sicura che non ve ne pentirete, vi assicuro che è un grandissimo film, a me è piaciuto un sacco, poi sono bravissimi tutti gli interpreti, sia quelli anziani, sia quelli più giovani...è stato bello vedere anche Daniel Day Lewis in uno dei suoi primi ruoli, peccato che gli hanno affidato un personaggio antipatico, ma lui è brillante come sempre, ed ha saputo impersonarlo alla grande.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.