Passa ai contenuti principali

Camera Con Vista

Ho avuto l'occasione di vedere finalmente - dopo anni che ci provavo - Camera con Vista, scoprendo che per vedere l'intera filmografia di un regista, e cominciare una rassegna, ci vuole l'ispirazione giusta, quella che è cominciata il mese scorso, proprio prima di natale, volete sapere il mio parere in proposito? Restate con me e lo scoprirete.



Camera con Vista ha un origine letteraria, è l'adattamento dell'omonimo romanzo di E.M Forster, e a dirigere il tutto c'è un regista che mi ha sempre affascinato, sin da quando ho cominciato il mio percorso cinefilo: James Ivory, e visto i pochi mezzi che avevo, non sono mai riuscita ad approfondire, ci riuscirò quest'anno? Incrociamo le dita.
Allora dicevo, si tratta di una storia d'amore, tra due persone che si incontrano a Firenze, e che passano dei giorni straordinari scoprendosi innamorati, Lucy Honeychurch, interpretata da Helena Bonham Carter, e George Emerson, interpretato da Julian Sands.
I due si incontrano per caso, quando Lucy e sua cugina rimangono scontente del fatto che dalla loro camera non si vede la vista di Firenze, e proprio gli Emerson, offrono a loro la loro stanza, perché c'è una vista della città straordinaria.
Un film che narra la storia di un amore a cui i protagonisti non possono mascherare i loro sentimenti, è vivo, è fremente, e anche quando Lucy in Inghilterra, fidanzandosi con l'ordinario Cecyl, un giovanissimo Daniel Day Lewis, non può continuare la farsa di una unione fasulla, perché il sentimento che la lega a George è molto forte, e nessuno, nemmeno le loro condizioni sociali, sono in grado fi fermare quello che sentono l'uno per l'altra.
Un film magico, romantico, girato con estrema sensibilità da un regista capace di sorprendere anche con pochissime scene, e solo i grandi maestri sono capaci di fare emozionare il pubblico e sorprenderlo come ci riesce il grande James Ivory.
Non è il primo film che vedo di lui, ne ho visti diversi in passato, e proprio quest'anno mi è venuta voglia di conoscerlo, perché si sa, l'avidità di conoscenza per un cinefilo non è mai troppa.
Per quanto mi riguarda appariranno molto presto anche Maurice, altro film adattato da E.M. Forster e La Contessa Bianca.
E non finisce mica qui...presto ci saranno ulteriori sorprese.
E per quanto riguarda Camera Con Vista è un capolavoro, se non l'avete visto fatelo, sono sicura che non ve ne pentirete, vi assicuro che è un grandissimo film, a me è piaciuto un sacco, poi sono bravissimi tutti gli interpreti, sia quelli anziani, sia quelli più giovani...è stato bello vedere anche Daniel Day Lewis in uno dei suoi primi ruoli, peccato che gli hanno affidato un personaggio antipatico, ma lui è brillante come sempre, ed ha saputo impersonarlo alla grande.




Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.