Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Excision

Proprio dal cinema indipendente arriva questo interessantissimo film, che è già un cult dalle mie parti, vi sembra poco? Continuate a stare alla fabbrica e scoprirete il mio parere in proposito.



Da horrorofila, per guardare film interessanti vado in due blog in particolare, quello di Lucia Patrizi, e naturalmente il Bollalmanacco, dove puoi trovare delle chicche pazzesche, una delle quali, riapre la rubrica sul cinema horror dopo le feste natalizie: Excision.
La cosa interessante è che presenta una protagonista verso la quale noi spettatori comprendiamo subito la sua psiche disturbata, ma che all'apparenza sembra normale come tutti gli altri...sembra, perché anche la sua famiglia è disturbata.
La madre ossessionata dalla religione, il padre quasi assente, non fanno che sottolineare la disfunzionalità di una famiglia, in apparenza normale, ma che è tutt'altro che normale.
Mi è piaciuto moltissimo che il regista citasse vagamente Carrie, ma allo stesso tempo si ci allontanasse, la sua è più una strizzata d'occhio che una vera e propria citazione.
La cosa interessante di questo film, è la capacità del regista di riuscire a sottolineare la sua psiche disturbata, tutto sembra normale, ma in realtà non lo è.
La psicosi di Pauline esplode nell'ossessione di piacere alla madre e al padre, decidendo di fare il chirurgo, commette una follia, che ovviamente non vi anticipo per non rovinarvi la sorpresa, vi assicuro che è raccapricciante, da fare accapponare la pelle, e lì, proprio nel finale, si nota la sua follia.
Un personaggio che per tutta la durata del film, noi spettatori quasi entriamo in empatia con lei, cerchiamo di capirla, fino allo sconvolgente finale.
Finale oltretutto in perfetta simbiosi con la follia di una famiglia ossessionata dalla religione, e chi interpreta il prete?
Ma il mitico John Waters, un ruolo che mi ha sorpresa e conquistata, un prete interpretato da John Waters, vuol dire rendere con ironia la figura del prelato, il che mi è piaciuto un casino.
Un opera prima interessante, che fa promettere tante altre cose, cercherò di procurarmi l'altro film di Richard Bates Jr, tanto per vederlo un po'...Trash Fire, incrociamo le dita, nella speranza di trovarlo...Grazie Bollicina per averlo recensito.





Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.