Passa ai contenuti principali

Men Women and Children

Un film intelligente, acuto, adulto, anche se non un capolavoro.
Potrei terminare qui la recensione, ma è giusto argomentare, dire cosa il film mi ha lasciato...volete saperlo? Stay tuned xD.







Innanzitutto bisogna elogiare la maturità di un giovane regista, che ormai sa come raccontare una storia attraverso le immagini, il suo è uno sguardo acuto, intelligente sul mondo odierno, ormai schiavo della tecnologia, e ne disegna i ritratti di diversi personaggi, c'è la madre che mette in mostra la figlia come fosse un fenomeno da barraccone per farla diventare una star, un altra madre controlla eccessivamente la figlia esigendo le sue password senza che questa abbia il controllo della sua privacy, un altro ragazzo che vuole una vita normale e si affeziona alla ragazza controllata eccessivamente dalla madre.
Una critica feroce alla società, che ha dimenticato i contatti umani, che ha perso di vista il limite dignitoso per esporre esseri umani in pasto al pubblico affamato di filmati e condivisioni.
La storia che mi ha colpita di più è stata quella della madre che eccessivamente controlla la figlia pretendendo le sue passwored, ok la protezione è comprensibile, ma se attraverso internet controlli non potrai mai crescere, e non potrai mai fare esperienza e anche vivere.
Bisogna porre dei limiti, è questo che Jason Reitman ci dice nel suo bellissimo film, forse dobbiamo limitare la tecnologia e abbracciarci di più?
La vita non può certamente essere controllata, né tantomeno esposta, bisogna vivere liberi, ma facendo attenzione ai pericoli, dobbiamo comunque staccare il cordone ombellicare, perché è anche giusto affrontare la vita, con i suoi pro e i suoi contro.
Solo così si cresce, che lo vogliate o meno.
Bravissimo Jason Reitman, nel ritrarre una vita ai margini della tecnologia, incapace di parlare in faccia ma attraverso smartphone e pc, metteteli da parte e uscite insieme, vivete, amatevi, questa è la sola cosa che conta veramente.








Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.