Passa ai contenuti principali

Il Ritorno di Mary Poppins

E anche alla fabbrica sbarca Il Ritorno di Mary Poppins, primo film che ho visto in questo 2019, mi sarà piaciuto?




Si, mi è piaciuto proprio lo devo dire, mi ha portata alle atmosfere dei vecchi film della vecchia Hollywood, che erano spensierati, allegri e avevano buoni sentimenti, e mi ci sono rituffata alla grande, io che il vecchio cinema lo stra adoro, e che il film originale da piccola l'ho visto infinite volte.
Questo non vuole essere l'ombra della pellicola con Julie Andrews, che è ormai un classico intoccabile sia per me, che per tutti coloro che sono cresciuti con quel film, vuole essere un film con un anima propria, e che ci crediate o no, la raggiunge eccome.
All'inizio pensavo, ma sono pazzi a fare il seguito di un classico? Verranno travolti dalle mazzate di chi ci è cresciuto con Julie Andrews.
E invece no cari amici, perché Il Ritorno di Mary Poppins, è un film che riesce a camminare con le sue gambe, con una protagonista che nonostante tutto si fa volere bene parecchio interpretando una Mary Poppins classica, ma allo stesso tempo al passo coi tempi.
La magia è praticamente la stessa, le canzoni fantastiche anche se non indimenticabili come il film originale.
Ma resta comunque una pellicola che non danneggia il film mitico con la Andrews, allo stesso tempo Rob Marshall, riesce a dare, corpo, anima e spessore a un progetto che sembrava fallito già in partenza.
Mi è piaciuto molto Il Ritorno di Mary Poppins e ho letteralmente volato con la fantasia per tutta la sua durata, non ci credete? Guardatelo e poi mi dite.
Un sequel che è un vero sequel, non deve mai e poi mai scalfire l'originale e naturalmente, essere l'ombra dello stesso, come per il fantstico, genuino e sorprendente Il Ritorno di Mary Poppins, che per tutta la sua durata, mi ha fatta tornare bambina.
Abbiate fede per il mio giudizio.




Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.