Passa ai contenuti principali

Il Ritorno di Mary Poppins

E anche alla fabbrica sbarca Il Ritorno di Mary Poppins, primo film che ho visto in questo 2019, mi sarà piaciuto?




Si, mi è piaciuto proprio lo devo dire, mi ha portata alle atmosfere dei vecchi film della vecchia Hollywood, che erano spensierati, allegri e avevano buoni sentimenti, e mi ci sono rituffata alla grande, io che il vecchio cinema lo stra adoro, e che il film originale da piccola l'ho visto infinite volte.
Questo non vuole essere l'ombra della pellicola con Julie Andrews, che è ormai un classico intoccabile sia per me, che per tutti coloro che sono cresciuti con quel film, vuole essere un film con un anima propria, e che ci crediate o no, la raggiunge eccome.
All'inizio pensavo, ma sono pazzi a fare il seguito di un classico? Verranno travolti dalle mazzate di chi ci è cresciuto con Julie Andrews.
E invece no cari amici, perché Il Ritorno di Mary Poppins, è un film che riesce a camminare con le sue gambe, con una protagonista che nonostante tutto si fa volere bene parecchio interpretando una Mary Poppins classica, ma allo stesso tempo al passo coi tempi.
La magia è praticamente la stessa, le canzoni fantastiche anche se non indimenticabili come il film originale.
Ma resta comunque una pellicola che non danneggia il film mitico con la Andrews, allo stesso tempo Rob Marshall, riesce a dare, corpo, anima e spessore a un progetto che sembrava fallito già in partenza.
Mi è piaciuto molto Il Ritorno di Mary Poppins e ho letteralmente volato con la fantasia per tutta la sua durata, non ci credete? Guardatelo e poi mi dite.
Un sequel che è un vero sequel, non deve mai e poi mai scalfire l'originale e naturalmente, essere l'ombra dello stesso, come per il fantstico, genuino e sorprendente Il Ritorno di Mary Poppins, che per tutta la sua durata, mi ha fatta tornare bambina.
Abbiate fede per il mio giudizio.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.