Passa ai contenuti principali

L'uomo che uccise Don Chisciotte

Alcuni hanno detto a Terry Gilliam su Don Chisciotte, quel film non sa da fare, e lui si è arreso? Non sia mai...ecco come la penso io.









Terry Gilliam è un regista che non si arrende, la sua genesi sul primo progetto della storia di Cervantes, è ben documentata nel documentario Lost in La Mancia, che ho visto e ben presto ne parlerò dopo averlo rivisto, ma lui è un tipo che non si spaventa, e non contento sapete che fa? Crea di punto in bianco una storia originale, surreale e visionaria mettendo proprio il personaggio di Don Chisciotte della Mancia, col suo sanchio panza, ed è un film che rasenta per poco il capolavoro.
Si può dire che è ritornato al suo stile, grandioso, e fracassone, visionario e bellissimo che mi ha sorpresa moltissimo.
Voi sapete che l'anno scorso Terry Gilliam è stato protagonista di una rassegna alla fabbrica, e ne sto preparando diverse che prestissimo approderanno in questo blog.
Mi è piaciuto questo film, mi è piaciuto tantissimo, l'ho adorato dall'inizio alla fine, e ad ogni scena mi fomentavo di felicità tuffandomi nel mondo in cui Terry ha creato, e che ci crediate o no, Don Chisciotte sembra fatto apposta per lui, per il personaggio ha chiamato il suo attore feticcio Jonathan Price, la sua spalla è Adam Driver, protagonisti di un film che potremmo definire un ibrido, un mix di surrealismo, fantastico, commedia tutto condito con lo stile riconoscibilissimo e inconfondibile del grandissimo Terry Gilliam, che si conferma un maestro visionario del cinema.
Se non conoscete questo autore, vi consiglio di recuperare i suoi film, guardate non ve ne pentirete, si, a volte è difficile, i suoi film necessitano di diverse visioni per essere capiti e apprezzati, ma sinceramente è uno spettacolo al quale io non saprei rinunciare per nessun motivo al mondo.
Con questo film Terry, è tornato alla grande, dimostra ispirazione ed è in formissima, una boccata d'aria con a dispetto delle cavolate che escono al cinema, e scusate se è poco.
Consigliatissimo.





Commenti

  1. oh... eppure sai che non mi ispira per niente? devo trovare il coraggio di vederlo! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.