Passa ai contenuti principali

Tully

Ed ecco a voi il nuovo film, della premiata ditta Reitman/Cody che torna alla terza collaborazione con un film stavolta incentrato sulla depressione post partum, sul dover affrontare la vita di tutti i giorni dopo la terza gravidanza, sulle difficoltà a gestire il tutto, e soprattutto sul prendersi cura di tutto, e non poteva che scriverlo Diablo Cody,una che non ha paura di parlare di donne normali, con i loro pregi, e difetti, e scrivere della vita vera come nessuno è più in grado di fare.
Alla regia troviamo quel simpaticone di Jason Reitman, che dirige il suo primo vero capolavoro.




E di capolavoro si tratta, e senza dubbio il suo miglior film, che parla davvero di una donna che deve affrontare una famiglia con tre figli, e la terza è pure neonata, deve anche sostenere tutto il peso delle notti in bianco, di un marito che non la guarda più come prima, e di figli rumorosi come tutti i
bambini, ma per lei non c'è più spazio, né per dormire e nemmeno per la sua vita.
Ci pensa suo fratello ad aiutarla, come? Con una tata notturna, i primi tempi Marlo trova strana la cosa e fa fatica ad abituarsi a Tully, pian piano le due diventano amiche inseparabili, e la tata diventa una figura insostituibile nella vita di Marlo, fino a quando accade un incidente che mette in discussione ogni cosa nella sua vita.
Un film travolgente, si piange, si ride, ci si sorprende di come il duo Reitman/Cody riesce a coinvolgere lo spettatore con ogni singola scena, e anche con le battute, insomma ogni donna normale si identificherebbe in Marlo, e se l'ho fatto io che figli non ne ho, direi che il film è molto empatico, e riesce a far capire allo spettatore le paure, le difficoltà e i drammi della protagonista, una bravissima come sempre Charlize Theron, attrice che praticamente adoro, perché mi ha dimostrato la sua bravura nel recitare.
Per me rimane un piccolo ma grande capolavoro, che merita non una, ma decine di visioni, forse uno di questi giorni me lo rivedo, e perché no? Forse lo acquisto su amazon come faccio con i miei film preferiti da pochi mesi a questa parte.
Il film ha un finale che non ti aspetti, e ti lascia nel dubbio che tutto quello che Marlo ha vissuto è successo realmente o meno, come sempre non spoilero mai, lo sapete, preferisco non rovinarvi la sorpresa, per quanto mi riguarda la mia idea me la sono fatta, ovviamente non lo dico qui, ma in forma privata solo a chi ha visto il film.
Per me Jason Reitman è un regista ormai capace di dirigere grandi film, e magari di vincere un oscar, chissà.
Io tifo per lui, staremo a vedere se i membri dell'academy si convincono a dargli spazio quest'anno.





Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.