Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci - Brivido Caldo

Trova finalmente spazio alla fabbrica, uno dei film importanti nella mia formazione di cinefila, Brivido Caldo di Lawrence Kasdan un film che è già leggenda, un noir con una delle mie attrici preferite in assoluto Kathleen Turner.





Per me Brivido Caldo ha un valore personale e affettivo, personale perché c'è nel ruolo di dark lady Kathleen Turner, e affettivo perché piaceva a mia madre che non c'è più da 3 anni ormai.
Per questo ho sottolineato l'importanza personale per questa pellicola.
Protagonisti sono una spietata virago, con le sembianze della grandissima Kathleen Turner che veste alla perfezione i panni di Matty Walker, in un ruolo che le sembra cucito addosso, il suo complice è l'avvocato di mezza tacca Ned Racine, la cui carriera non è mai decollata, ma in compenso ha successo con le donne, e una sera quasi per caso incontra Matty.
Tra i due divampa una passione senza precedenti, ma è tutto un gioco e una macchinazione di Matty, che intende far fuori il marito per intascare l'enorme eredità, e come il gioco del gatto col topo, trascina Ned nella sua rete, con le tipiche armi seduttive di una perfetta dark lady.
Un piano che sembra una pazzia all'inizio, ma che riuscirà a compierlo esattamente come voleva compierlo anche grazie ad alcuni sbagli che Ned ha commesso in passato.
Non dico altro vi invito alla visione se ancora non l'avete fatto, William Hurt e Kathleen Turner impersonano perfettamente i panni dell'uomo che con la sua debolezza è incapace di resistere al fascino letale di Matty, e lei, dimostra di essere una donna astuta e intelligente, oltre che letalissima.
Nota importantissima, in un piccolissimo ruolo, c'è un giovanissimo Mickey Rourke, ancora lontano dai bollori di 9 Settimane e 1/2.
Il ruolo del marito di Matty è ricoperto da Richard Crenna, un attore storico che è stato utilizzato nel ruolo del ricco marito della virago che intende intascare tutti i suoi soldi.
In ruoli minori appare anche Ted Danson, che interpreta un altro avvocato.
Un film leggendario, con una grande protagonista, e un William Hurt, attore ormai quasi dimenticato, che si cala perfettamente nel ruolo dell'avvocato sensibile al fascino femminile.
E pensare che è una opera prima, che sottolinea anche l'esordio di Kathleen Turner sul grande schermo, Kathleen, attrice che io adoro sin da quando ero una ragazzina, anch'essa ormai quasi dimenticata, ed è un peccato perché ha dimostrato di avere un talento e uno charme davvero indimenticabili.
Speriamo di rivederla presto.
Per quanto riguarda il film, se non l'avete visto fatelo, perché rappresenta uno dei più grandi film degli anni '80, e se non l'avete visto vi siete persi davvero una gran cosa.
Per me è un must da avere.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.