Passa ai contenuti principali

Riguarda & Recensisci - Brivido Caldo

Trova finalmente spazio alla fabbrica, uno dei film importanti nella mia formazione di cinefila, Brivido Caldo di Lawrence Kasdan un film che è già leggenda, un noir con una delle mie attrici preferite in assoluto Kathleen Turner.





Per me Brivido Caldo ha un valore personale e affettivo, personale perché c'è nel ruolo di dark lady Kathleen Turner, e affettivo perché piaceva a mia madre che non c'è più da 3 anni ormai.
Per questo ho sottolineato l'importanza personale per questa pellicola.
Protagonisti sono una spietata virago, con le sembianze della grandissima Kathleen Turner che veste alla perfezione i panni di Matty Walker, in un ruolo che le sembra cucito addosso, il suo complice è l'avvocato di mezza tacca Ned Racine, la cui carriera non è mai decollata, ma in compenso ha successo con le donne, e una sera quasi per caso incontra Matty.
Tra i due divampa una passione senza precedenti, ma è tutto un gioco e una macchinazione di Matty, che intende far fuori il marito per intascare l'enorme eredità, e come il gioco del gatto col topo, trascina Ned nella sua rete, con le tipiche armi seduttive di una perfetta dark lady.
Un piano che sembra una pazzia all'inizio, ma che riuscirà a compierlo esattamente come voleva compierlo anche grazie ad alcuni sbagli che Ned ha commesso in passato.
Non dico altro vi invito alla visione se ancora non l'avete fatto, William Hurt e Kathleen Turner impersonano perfettamente i panni dell'uomo che con la sua debolezza è incapace di resistere al fascino letale di Matty, e lei, dimostra di essere una donna astuta e intelligente, oltre che letalissima.
Nota importantissima, in un piccolissimo ruolo, c'è un giovanissimo Mickey Rourke, ancora lontano dai bollori di 9 Settimane e 1/2.
Il ruolo del marito di Matty è ricoperto da Richard Crenna, un attore storico che è stato utilizzato nel ruolo del ricco marito della virago che intende intascare tutti i suoi soldi.
In ruoli minori appare anche Ted Danson, che interpreta un altro avvocato.
Un film leggendario, con una grande protagonista, e un William Hurt, attore ormai quasi dimenticato, che si cala perfettamente nel ruolo dell'avvocato sensibile al fascino femminile.
E pensare che è una opera prima, che sottolinea anche l'esordio di Kathleen Turner sul grande schermo, Kathleen, attrice che io adoro sin da quando ero una ragazzina, anch'essa ormai quasi dimenticata, ed è un peccato perché ha dimostrato di avere un talento e uno charme davvero indimenticabili.
Speriamo di rivederla presto.
Per quanto riguarda il film, se non l'avete visto fatelo, perché rappresenta uno dei più grandi film degli anni '80, e se non l'avete visto vi siete persi davvero una gran cosa.
Per me è un must da avere.






Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.