Passa ai contenuti principali

Manderlay

Secondo capitolo della trilogia americana di Lars Von Trier, l'america vista attraverso la vergogna che l'ha macchiata per secoli, ovvero la segregazione razziale, uscita di scena Nicole Kidman - che nel secondo capitolo avrebbe fatto faville, ma vabbè lavorare con Trier non è certo una passeggiata - nel ruolo di Grace troviamo la giovanissima Bryce Dallas Howard, attrice che a confronto della Kidman con poca esperienza, ma un curriculum appetitoso, e di per se in questo film non fa rimpiangere la Kidman, anzi da alla sua Grace, un impronta umanistica da non sottovalutare.
Se nel primo capitolo c'era l'entrata di Grace in una comunità di "brave  persone" ma che di bravo hanno solo la nomina, ma poi sono uguali a tutti gli altri, forse anche peggio, e la convivenza con le loro tradizioni, con le loro regole, in questo secondo capitolo c'è il controllo degli esseri umani, da parte di un superiore, in questo caso Mam, interpretata da una straordinaria Lauren Bacall, il suo è un piccolo ruolo ma efficace, che le consente di esprimere al meglio la storia. Alla morte di Mam, è Grace che prende il controllo della piantagione di Manderlay, grazie a una richiesta che ha fatto al padre, una richiesta di indipendenza, in quella piantagione vige ancora la legge della schiavitù, scritta in un libro che Mam conservava gelosamente e che descriveva la personalità e la psicologia dei neri che vi lavoravano, quel libro è chiamato la legge di Mam, dai neri, che lo seguono minuziosamente, come se al mondo esistesse la legge del padrone, e che loro non avevano nessuna autorità di contraddirla, non è forse questa la schiavitù, la dipendenza?
L'arrivo di Grace alla piantagione da una ventata di novità e di ideologismi, che si scontrano continuamente con le dure leggi della vecchia padrona, ma ormai è lei a dettare legge la dentro, è lei che vive le storie di tutti i giorni, è lei che deve scegliere attraverso il voto democratico della comunità di Manderlay, se una donna che ha causato la morte di una bambina per fame debba vivere o morire, il verdetto è spietato, e lei da autorità si vede costretta a recidere una vita, questa è per Von Trier una chiara critica alle leggi barbare che vigono in america, alle sue comunità, alla sua mentalità ristretta, beh se si deve rappresentare l'america, perchè non farlo senza facili sentimentalismi, ma come realmente è, gioie e dolori inclusi, e Von Trier ci riesce appieno, le ambientazioni sono teatrali come in dogville, e lui strizza il suo occhio provocatorio mettendo in scena un amplesso tra schiavo e padrone, senza però scadere in facili provocazioni, c'è tutto, non manca nulla, in questo secondo capitolo che si conclude come il primo, ma che lascia un po' di confusione sulla nuova destinazione di Grace.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.





Commenti

  1. Io che ho adorato Dogville, uno dei miei film preferiti in assoluto, ho trovato davvero irritante e insignificate questo film.

    RispondiElimina
  2. a me è piaciuto e molto, certo nel primo film era tutta un altra storia, ma è l'america vista da von trier, uno che riesce ad essere irritante avvolte, solo che con questo film che ho trovato molto profondo invece, ha raccontato come una piccola comunità sia dipendente da una figura suprema, un po' come accade nelle dittature :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.