Passa ai contenuti principali

Manderlay

Secondo capitolo della trilogia americana di Lars Von Trier, l'america vista attraverso la vergogna che l'ha macchiata per secoli, ovvero la segregazione razziale, uscita di scena Nicole Kidman - che nel secondo capitolo avrebbe fatto faville, ma vabbè lavorare con Trier non è certo una passeggiata - nel ruolo di Grace troviamo la giovanissima Bryce Dallas Howard, attrice che a confronto della Kidman con poca esperienza, ma un curriculum appetitoso, e di per se in questo film non fa rimpiangere la Kidman, anzi da alla sua Grace, un impronta umanistica da non sottovalutare.
Se nel primo capitolo c'era l'entrata di Grace in una comunità di "brave  persone" ma che di bravo hanno solo la nomina, ma poi sono uguali a tutti gli altri, forse anche peggio, e la convivenza con le loro tradizioni, con le loro regole, in questo secondo capitolo c'è il controllo degli esseri umani, da parte di un superiore, in questo caso Mam, interpretata da una straordinaria Lauren Bacall, il suo è un piccolo ruolo ma efficace, che le consente di esprimere al meglio la storia. Alla morte di Mam, è Grace che prende il controllo della piantagione di Manderlay, grazie a una richiesta che ha fatto al padre, una richiesta di indipendenza, in quella piantagione vige ancora la legge della schiavitù, scritta in un libro che Mam conservava gelosamente e che descriveva la personalità e la psicologia dei neri che vi lavoravano, quel libro è chiamato la legge di Mam, dai neri, che lo seguono minuziosamente, come se al mondo esistesse la legge del padrone, e che loro non avevano nessuna autorità di contraddirla, non è forse questa la schiavitù, la dipendenza?
L'arrivo di Grace alla piantagione da una ventata di novità e di ideologismi, che si scontrano continuamente con le dure leggi della vecchia padrona, ma ormai è lei a dettare legge la dentro, è lei che vive le storie di tutti i giorni, è lei che deve scegliere attraverso il voto democratico della comunità di Manderlay, se una donna che ha causato la morte di una bambina per fame debba vivere o morire, il verdetto è spietato, e lei da autorità si vede costretta a recidere una vita, questa è per Von Trier una chiara critica alle leggi barbare che vigono in america, alle sue comunità, alla sua mentalità ristretta, beh se si deve rappresentare l'america, perchè non farlo senza facili sentimentalismi, ma come realmente è, gioie e dolori inclusi, e Von Trier ci riesce appieno, le ambientazioni sono teatrali come in dogville, e lui strizza il suo occhio provocatorio mettendo in scena un amplesso tra schiavo e padrone, senza però scadere in facili provocazioni, c'è tutto, non manca nulla, in questo secondo capitolo che si conclude come il primo, ma che lascia un po' di confusione sulla nuova destinazione di Grace.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.





Commenti

  1. Io che ho adorato Dogville, uno dei miei film preferiti in assoluto, ho trovato davvero irritante e insignificate questo film.

    RispondiElimina
  2. a me è piaciuto e molto, certo nel primo film era tutta un altra storia, ma è l'america vista da von trier, uno che riesce ad essere irritante avvolte, solo che con questo film che ho trovato molto profondo invece, ha raccontato come una piccola comunità sia dipendente da una figura suprema, un po' come accade nelle dittature :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…