Passa ai contenuti principali

Carnage

un film che abbaia ma non morde, e avrebbe tante tutte le qualità per essere una pellicola sagace, provocatoria e dissacrante, non c'è niente di tutto questo, solo un gruppo di borghesi stressati che sbraitano, urlano ai quattro venti le loro frustazioni inappagate, e i loro rancori, è un peccato perchè c'è un quartetto d'attori capace di tutto, e di più, ma la regia di Polanski si muove tra la satira del bon ton al film superficiale finendo per fare una pellicola che si muove tra questi due punti senza mai andare al centro sagace della storia.
basterebbe tanto così per farne una pellicola attraente che fa centro al primo colpo, ma così non è, Carnage risulta una pellicola interessante per molti versi, è interessante ma è un film riuscito a metà, interessante perchè sottolinea l'incapacità degli adulti nel risolvere le situazioni più semplici senza sbranarsi (in questo caso urlare) peggio di come fanno i bambini piccoli, che poi scopriremo alla fine i loro figli risolveranno la situazione meglio di come l'hanno risolta i loro rispettivi genitori, perchè accade questo? Perchè il figlio di una coppia ha dato un colpo in bocca con la mazza da baseball al figlio dell'altra coppia, e qui si inizia prima con le buone maniere, per poi cominciare il litigio, in cui Jody Foster è la mina vagante che fa innescare il tutto, il litigio che culminerà quando Kate Winslet vomiterà sulle riviste di arredamento di Jody Foster, è lì che la bomba esplode e cominciano a urlare, qui dovrebbero cominciare a sbranarsi, tra il marito della Winslet Christoph Waltz che parla sempre al cellulare, l'altro marito che è un emerito imbecille e che svaluta l'immagine della moglie che vorrebbe l'immagine di alto livello dato la professione che fa, insomma, in parole semplici è una commedia nera che non fa centro, che non sbrana, ma riesce solo a sbraitare senza il mordente della provocazione e della innovazione che avrebbe fatto gola a un regista come Luis Buñuel.  , lui si che sarebbe stato pungente, e provocatorio, facendo una satira sulla borghesia come effettivamente ci ha abituati, il film è tratto dalla pièce di Yasmina Reza Il dio della carneficina che sicuramente sarà migliore del film di polanski. Bravissimi gli interpreti che danno il meglio di se, soprattutto Kate Winslet che è strepitosa, ma la bravura degli attori non basta al film per farlo decollare.




Commenti

  1. Peccato, perché dalla locandina prometteva bene! ;)

    RispondiElimina
  2. eh si non è male, è come se Polanski lancia la pietra e non va fino infondo, è un occasione sprecata, peccato ;)

    RispondiElimina
  3. Concordo in pieno.
    E mi piace molto la nuova grafica!

    RispondiElimina
  4. A me è piaciucchiato, è evidente che paga il debito teatrale, lì deve sicuramente funzionare meglio, utilizzando ancor più acutamente gli stretti spazi.
    Non provo simpatia per alcuni dei grandi interpreti presenti, ma le caratteristiche del personaggio ce l'hanno, specialmente la Foster, radical chic.
    Non è uno dei Polanski fra le mie grazie, anzi, è di molto sotto, ma al cinema non mi ha deluso, pur rimanendo nella sufficienza.

    RispondiElimina
  5. anche a me è piaciucchiato, ci sono momenti esilaranti, ma il film non è pungente, grazie del complimenti per la grafica Ford :)

    RispondiElimina
  6. Vero, non decolla, e considerando gli attori che ci sono e il regista della pellicola è un vero peccato...

    Se ti va, e se vi va, partecipate al sondaggio del miglior film 2011 su Cinepolis
    http://dino-freezone.blogspot.com/2011/12/vota-il-miglior-film-del-2011.html

    Dopo aver pubblicato i risultati delle vostre scelte ci sarà anche una personale classifica delle pellicole del 2011 passate in sala

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.