Passa ai contenuti principali

Un gioco da Ragazze

Non aspettatevi molto da questo film, forse è il solo modo per apprezzarlo meglio.
E' un opera prima che mette in scena il vuoto di una generazione, che si legge Vanity Fair in classe e segue la moda ostinatamente dettata da Kate Moss e Paris Hilton, che di certo non sono i modelli per formare caratteri o personalità degli individui, anzi tutt'altro, ma la colpa non è lo squallore con cui si incentra il mondo fintamente dorato di queste due starlette, ma è nella psicologia delle protagoniste che in america vengono comunemente chiamate Queen B, anche se le Queen B a confronto sono innocque, e fintamente oche, queste invece sono spietate, crudeli, dei serpenti velenosi che con la loro presenza avvelenano coloro che si mettono sulla loro strada, la più bella, la più spietata di tutti è senza dubbio Elena, che è anche la più pericolosa, gli altri attorno a lei non esistono, sono stupidi, inetti, ciò che la attraversa va distrutto, se si mette sulla sua strada, ma è una persona sola, incapace di provare sentimenti verso il suo prossimo, una bambola vuota capace solo di comandare come una aguzzina, nella loro vita e nella loro leadership a scuola tutto procede bene, finchè non arriva un professore idealista che rischia di rovinare tutto, allora Elena e le sue amiche iniziano un gioco che avrà un epilogo tragico  e inaspettato.
Il film ha anche i suoi difetti, la recitazione è pessima, ma tra i suoi pregi c'è una regia efficace e un plot che anche se è tratto da un romanzo riesce a catturare l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine, e trattandosi di un opera prima non è roba da poco, il film riesce a intrigare e a indignare, soprattutto per il vuoto di una generazione che viene descritto senza facili sentimentalismi di un Moccia o di altri filmetti per teenager che a confronto fanno più ridere che riflettere.
Il rapporto tra Elena e il professore diventa pericoloso quando le cose cominciano a farsi serie, lei vuole catturarlo nella sua rete, ma fare certi giochi può portare a delle conseguenze terribili, conseguenze che una ragazzina ancora non riuscirebbe ad affrontare come un adulto, la cosa che veramente fa riflettere in questo film è la consapevolezza per i ragazzini di volersi far vedere ormai adulti navigati, e di voler comandare con piglio dittatoriale, laddove devono prendere la consapevolezza che bisogna vivere secondo la propria età, non secondo come si vuole essere o come si vuole apparire, e questa è una cosa da non sottovalutare mai, ma in una società dove è più importante apparire, essere fighi, essere in, si arriva a far l'amore con il primo che ti capita, coi fidanzati delle tue amiche, con chiunque, perchè tu devi essere quella che non sei, e ti costruisci una personalità fasulla, che cancella tutto quanto, per questo Elena comincia questo gioco col professore, perchè il professore, prima della fine è una persona normale appare per quello che realmente è, per poi trasformarsi alla fine in quello che Elena vorrebbe. Agghiacciante.
DA COLLEZZIONARE.





Commenti

  1. La tua recensione intriga però! :)

    RispondiElimina
  2. vedilo, poi dimmi se ti è piaciuto :)

    RispondiElimina
  3. Agghiacciante è la parola adatta!
    Speravo in una lezione per Elena ed invece continua ad essere la solita viziatella! Sono stati bravi, è raro odiare il protagonista del film.
    Ho trovato molto realistiche alcune scene, banali altre, ma nel complesso è un film che mi è piaciuto!
    Al prossimo consiglio :)

    RispondiElimina
  4. te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto e questo mi fa mooolto piacere, sarò felice di darti altri consigli ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.