Passa ai contenuti principali

Un gioco da Ragazze

Non aspettatevi molto da questo film, forse è il solo modo per apprezzarlo meglio.
E' un opera prima che mette in scena il vuoto di una generazione, che si legge Vanity Fair in classe e segue la moda ostinatamente dettata da Kate Moss e Paris Hilton, che di certo non sono i modelli per formare caratteri o personalità degli individui, anzi tutt'altro, ma la colpa non è lo squallore con cui si incentra il mondo fintamente dorato di queste due starlette, ma è nella psicologia delle protagoniste che in america vengono comunemente chiamate Queen B, anche se le Queen B a confronto sono innocque, e fintamente oche, queste invece sono spietate, crudeli, dei serpenti velenosi che con la loro presenza avvelenano coloro che si mettono sulla loro strada, la più bella, la più spietata di tutti è senza dubbio Elena, che è anche la più pericolosa, gli altri attorno a lei non esistono, sono stupidi, inetti, ciò che la attraversa va distrutto, se si mette sulla sua strada, ma è una persona sola, incapace di provare sentimenti verso il suo prossimo, una bambola vuota capace solo di comandare come una aguzzina, nella loro vita e nella loro leadership a scuola tutto procede bene, finchè non arriva un professore idealista che rischia di rovinare tutto, allora Elena e le sue amiche iniziano un gioco che avrà un epilogo tragico  e inaspettato.
Il film ha anche i suoi difetti, la recitazione è pessima, ma tra i suoi pregi c'è una regia efficace e un plot che anche se è tratto da un romanzo riesce a catturare l'attenzione dello spettatore dall'inizio alla fine, e trattandosi di un opera prima non è roba da poco, il film riesce a intrigare e a indignare, soprattutto per il vuoto di una generazione che viene descritto senza facili sentimentalismi di un Moccia o di altri filmetti per teenager che a confronto fanno più ridere che riflettere.
Il rapporto tra Elena e il professore diventa pericoloso quando le cose cominciano a farsi serie, lei vuole catturarlo nella sua rete, ma fare certi giochi può portare a delle conseguenze terribili, conseguenze che una ragazzina ancora non riuscirebbe ad affrontare come un adulto, la cosa che veramente fa riflettere in questo film è la consapevolezza per i ragazzini di volersi far vedere ormai adulti navigati, e di voler comandare con piglio dittatoriale, laddove devono prendere la consapevolezza che bisogna vivere secondo la propria età, non secondo come si vuole essere o come si vuole apparire, e questa è una cosa da non sottovalutare mai, ma in una società dove è più importante apparire, essere fighi, essere in, si arriva a far l'amore con il primo che ti capita, coi fidanzati delle tue amiche, con chiunque, perchè tu devi essere quella che non sei, e ti costruisci una personalità fasulla, che cancella tutto quanto, per questo Elena comincia questo gioco col professore, perchè il professore, prima della fine è una persona normale appare per quello che realmente è, per poi trasformarsi alla fine in quello che Elena vorrebbe. Agghiacciante.
DA COLLEZZIONARE.





Commenti

  1. La tua recensione intriga però! :)

    RispondiElimina
  2. vedilo, poi dimmi se ti è piaciuto :)

    RispondiElimina
  3. Agghiacciante è la parola adatta!
    Speravo in una lezione per Elena ed invece continua ad essere la solita viziatella! Sono stati bravi, è raro odiare il protagonista del film.
    Ho trovato molto realistiche alcune scene, banali altre, ma nel complesso è un film che mi è piaciuto!
    Al prossimo consiglio :)

    RispondiElimina
  4. te l'avevo detto che ti sarebbe piaciuto e questo mi fa mooolto piacere, sarò felice di darti altri consigli ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…