Passa ai contenuti principali

Il gioiellino

Un azienda di prodotto caseari, fiorente, che fa guadagnare soldi a destra e a sinistra, un gioiellino, in cui molti vogliono mettere le mani, e guadagnarci pure loro la loro fetta di torta, quando la leda viene quotata in borsa presto le sue quotazioni si alzano maggiormente, ma la borsa è infida, e il presidente, invece di affidarsi a persone qualificate, si affida ai suoi familiari, gente diplomata, ma incompetente per l'organizzazione dell'azienda sia anche per gestirla perchè è incapace di farlo, risultato? Il Crack, ben presto la Leda perde molti soldi, finendo per ritrovarsi il culo a terra, l'unica soluzione è inventarsi soldi, soldi che in realtà non ci sono e che finiranno per inghiottirli tutti, liberamente ispirato al crack della parmalat, è un opera che sottolinea la spregiudicatezza e l'avidità umana, diretto in modo semplice da Molaioli, anche se è un po' sottotono, e interpretato da due attori cardine della cinematografia italiana, il bravissimo Tony Servillo e Remo Girone.
Ma la spregiudicatezza e l'avidità sono solo l'inizio di quello che dico io perchè quando non ci si pone limiti nell'agire si fa di tutto per spolpare il gioiellino e farlo rimanere a galla, ma non si può fare sempre che la botte resti piena con la moglie ubriaca, presto le cose cominciano a farsi complicate, il capo della leda è troppo debole per tenere testa a quei lupi dei suoi familiari e si ritrova con una bancarotta da capogiro, in cui tutte le famiglie che lavorano rischiano di perdere il posto di lavoro, mangiarsi i soldi non è il miglior modo per mandare avanti una azienda, ma nemmeno inventarsi i soldi, come puoi pagare la gente se non hai i soldi o i soldi che dici di avere sono messi li solo per rassicurare i creditori?
Un film drammatico che scuote, che fa indignare, e che fa soprattutto riflettere su chi ha una fortuna, ma che è incapace di mandarla avanti, mettendo dei lupi a spolpare l'osso al posto di persone competenti che riescono a mandarla avanti.
DA VEDERE.





Commenti

  1. Mmm sì, penso che mi possa piacere! :)

    RispondiElimina
  2. ti piacerà molto è un film schietto, che racconta come una fortuna può crollare se è messa nelle mani sbagliate ^^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.