giovedì 1 dicembre 2011

Red Eye

Lisa, giovane proprietaria di un albergo, si trova a dover affrontare un viaggio per tornare a casa, e incontra un giovane estremamente gentile, sorridente, che viaggia insieme a lei sull'aereo, all'inizio ci sono solo parole gentili, in cui sembra che i due flirtino un pò, è appena comincia il viaggio in aereo che comincia l'avventura negativa per Lisa, il giovane si mette vicino a lei seduto, e iniziano a parlare su che lavoro fa, all'inizio la ragazza è incredula, ma poi le cose piano piano cominciano a farsi minacciose, pericolose, Lisa si rende conto di essere in ostaggio, pur non avendo manette ai polsi o altra roba, il giovane (Jackson, uno strabiliante Cillian Murphy, tanto luciferino da far  venire i brividi) le dice di fare una telefonata in albergo e spostare un politico con la sua famiglia, da una suite, a un altra suite, appena la ragazza scopre il motivo si rende conto che è in trappola, qual'è il motivo? Semplice il politico deve essere assassinato, se Lisa non fa come le dicono  uccideranno suo padre, saranno ore di puro terrore per la ragazza, che non ha via d'uscita e non può fare quello che intende fare, se non stare al gioco del pericoloso criminale di cui è ostaggio.
Wes Craven si conferma autore di gran classe, toccando vertici fino ad ora mai raggiunti dirigendo un film claustrofobico e inquietante, la sua regia è impeccabile e curatissima sorprendendo per la cura e per il talento ormai raggiunto e dimostrando che la lezione di autori come Hitchcock e De Palma non è stata vana, questo film accanto ai film degli autori citati non sfigurerebbe affatto, e ci sono diversi motivi per cui sostengo questa ipotesi, prima di tutto la bravura nel dirigere due attori che sono famosi ai giovani per il cinema mainstream che qui si contendono la palma di più bravo ma la vincono entrambi, il secondo motivo è la tensione palpabile ad ogni inquadratura, condita con la suspance che palpita dall'inizio alla fine e soprattutto l'azione che la fa da padrone, vedete appena finisce il viaggio la scena della corsa di Lisa? Ne è un esempio lampante, apparte questo mi sembra di sottolineare che questo è un altro esperimento di Craven fuori dal cinema horror in cui è notissimo e direi che riesce appieno a dirigere questo piccolo grande film, che di sicuro è tra i miei preferiti di Craven.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.



5 commenti:

  1. Me lo ricordo bene, davvero molto buono. Grande tensione e grande interpretazione di Murphy.

    RispondiElimina
  2. Sì, l'ho visto!!! Grande Craven!

    RispondiElimina
  3. devo dire che Murphy è mefistofelico, quegli occhi di ghiaccio in questo film ti fanno rabbrividire XD

    RispondiElimina
  4. A me non è piaciuto così tanto, specie la seconda parte in alcuni momenti davvero imbarazzante.
    Un saluto!

    RispondiElimina
  5. beh io l'ho trovato niente male, poi come si dice de gustibus XD

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...