Passa ai contenuti principali

I Love you Man

Peter e Zooey si stanno sposando, sono felici, è tutto pronto, ma c'è un problema, Peter non ha amici maschi, e con questo non può scegliere chi sarà il suo testimone di nozze, Zooey è disperata e ne parla con le sue amiche, che gli danno l'idea di frequentare i loro mariti, ma l'amicizia non si può manovrare, ben presto Peter capirà che ci vuole ben più degli interventi delle proprie amiche e dei giochi a carte o guardare le partite, dopo pochi giorno ormai Peter si è stancato di cercare l'amico, lo trova in un giovane che sta partecipando a una presentazione per vendere la casa di Lou Ferrigno il giovane si chiama Sydney Fife e Peter rimane molto colpito dalla sua personalità, che sia l'amico giusto? Come sempre succede l'amicizia nasce sempre in modo spontaneo, si ritrovano e si accorgono di avere molte cose in comune, e passano la maggioranza del tempo insieme, vanno ai concerti, alle partite, stanno a casa a suonare, insomma direi che ci siamo ha trovato l'amico ideale, e passano parecchio tempo insieme, fino a trascurare la fidanzata, Zooey, che dice che gli manca, e che non stanno insieme da un po' di tempo, le cose peggiorano quando con Sydney Peter si porta anche Zooey, l'unica soluzione? Stare un periodo separati per un esame di coscenza di entrambi, ma alla fine avranno capito tutti quanti che non è giusto rinunciare all'amore o a una amicizia, la cosa importante è stabilire i limiti di tutto, e le cose si rimetteranno apposto...
Un film divertentissimo, e che non è assolutamente volgare, ma al contrario è ironico, intelligente, acuto e racconta senza facili fronzoli l'amore e l'amicizia così come sono, senza inutili smancerie, bellissime le scene con Sydney soprattutto quando fa fare i bisogni al cane e non pulisce la strada, e soprattutto quando fa vedere all'amico il suo angolo per la masturbazione ricco di carta per non sporcare, e quando Peter racconta all'amico che Zooey non apprezza il sesso orale e poi Sydney lo dice davanti a tutti, che è la classica goccia che fa trabboccare il vaso ai due piccioncini, un film spensierato che riesce a divertire con sincerità tenendosi lontano da facili lacrimucce per raccontare l'amicizia maschile e le goliardate che spesso nascono tra amici, e soprattutto i facili commenti delle amiche della sposa, tutte brave a  parlare ma all'esame dei fatti non danno nessun aiuto, anzi sanno solo peggiorare la situazione.
Bravissimi Paul Rudd e Jason Segel, la regia di John Amburg è semplice e schietta, adatta per una commedia, ultimo consiglio personale se volete le commedie tutte lacrime e sospiri statene alla larga, ma se adorate le goliardate lontane dalle volgarità ma per farvi due sane risate è il film giusto per voi.
DA COLLEZZIONARE.




Commenti

  1. Questo non me lo voglio proprio perdere, e poi Paul Rudd mi piace molto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.