Passa ai contenuti principali

I Love you Man

Peter e Zooey si stanno sposando, sono felici, è tutto pronto, ma c'è un problema, Peter non ha amici maschi, e con questo non può scegliere chi sarà il suo testimone di nozze, Zooey è disperata e ne parla con le sue amiche, che gli danno l'idea di frequentare i loro mariti, ma l'amicizia non si può manovrare, ben presto Peter capirà che ci vuole ben più degli interventi delle proprie amiche e dei giochi a carte o guardare le partite, dopo pochi giorno ormai Peter si è stancato di cercare l'amico, lo trova in un giovane che sta partecipando a una presentazione per vendere la casa di Lou Ferrigno il giovane si chiama Sydney Fife e Peter rimane molto colpito dalla sua personalità, che sia l'amico giusto? Come sempre succede l'amicizia nasce sempre in modo spontaneo, si ritrovano e si accorgono di avere molte cose in comune, e passano la maggioranza del tempo insieme, vanno ai concerti, alle partite, stanno a casa a suonare, insomma direi che ci siamo ha trovato l'amico ideale, e passano parecchio tempo insieme, fino a trascurare la fidanzata, Zooey, che dice che gli manca, e che non stanno insieme da un po' di tempo, le cose peggiorano quando con Sydney Peter si porta anche Zooey, l'unica soluzione? Stare un periodo separati per un esame di coscenza di entrambi, ma alla fine avranno capito tutti quanti che non è giusto rinunciare all'amore o a una amicizia, la cosa importante è stabilire i limiti di tutto, e le cose si rimetteranno apposto...
Un film divertentissimo, e che non è assolutamente volgare, ma al contrario è ironico, intelligente, acuto e racconta senza facili fronzoli l'amore e l'amicizia così come sono, senza inutili smancerie, bellissime le scene con Sydney soprattutto quando fa fare i bisogni al cane e non pulisce la strada, e soprattutto quando fa vedere all'amico il suo angolo per la masturbazione ricco di carta per non sporcare, e quando Peter racconta all'amico che Zooey non apprezza il sesso orale e poi Sydney lo dice davanti a tutti, che è la classica goccia che fa trabboccare il vaso ai due piccioncini, un film spensierato che riesce a divertire con sincerità tenendosi lontano da facili lacrimucce per raccontare l'amicizia maschile e le goliardate che spesso nascono tra amici, e soprattutto i facili commenti delle amiche della sposa, tutte brave a  parlare ma all'esame dei fatti non danno nessun aiuto, anzi sanno solo peggiorare la situazione.
Bravissimi Paul Rudd e Jason Segel, la regia di John Amburg è semplice e schietta, adatta per una commedia, ultimo consiglio personale se volete le commedie tutte lacrime e sospiri statene alla larga, ma se adorate le goliardate lontane dalle volgarità ma per farvi due sane risate è il film giusto per voi.
DA COLLEZZIONARE.




Commenti

  1. Questo non me lo voglio proprio perdere, e poi Paul Rudd mi piace molto!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.