Passa ai contenuti principali

Dogville

Lars Von Trier incontra Nicole Kidman, dopo il successo di Dancer in the Dark, straziante opera musicale con una bravissima Bjork, Von Trier decide di descrivere l'america...a modo suo.
Il film in cui sembra che gli attori recitino sul palco teatrale, è privo di scenografie cosidette normali, forse per descrivere un vuoto assoluto che regna nella piccola cittadina tranquilla di Dogville, che tranquilla in realtà non lo è?
La protagonista, una strabiliante Grace, scappa da una situazione familiare difficile decisa a cambiar vita, conoscerà quindi un gruppo di cittadini, all'inizio restìi a farla rimanere, poi piano piano con le "mansioni" Grace stessa fa tutto il suo meglio per farsi accettare prendendosi cura di loro, ma la mentalità degli abitanti di Dogville è  così ristretta che appena usciranno fuori i loro veri volti Grace, conoscerà la loro crudeltà e l'ipocrisia che si cela dietro quelle mura apparentemente confortevoli.
Lars Von Trier riesce a catturare l'animo umano, mettendo via le maschere di buonismo che avvolte gli esseri umani indossano, e mostrando come in realtà sono, Nicole Kidman è straordinaria, la sua interpretazione vale da sola la visione del film, che è un capolavoro, in cui nulla è lasciato al caso, e ci credo che Nicole Kidman non ha più voluto lavorare con Lars Von Trier, nelle quasi tre ore di film, lui non le da tregua, non la lascia un attimo respirare, e il suo personaggio che viene rappresentato, direi che è il più umano di tutti, in mezzo alla tana dei lupi. Anche Tom che all'inizio sembri essere dalla sua parte poi cambia atteggiamento verso di lei, rivelandosi come tutti gli altri, straziante la scena delle statuette, in cui una sua vicina gliele rompe e le dice di non piangere altrimenti gliele romperà tutte quante, ma non c'è solo questo, Grace essendo una donna sola, subisce anche stupri, violenze e tante altre angherie, dai tranquilli cittadini, che poi non sono tanto onesti e bravi.
E' forse questa l'america che Lars Von Trier vuole raccontare? Dietro la terra delle grandi opportunità non c'è nient'altro che il mondo visto così com'è dalla natura umana, e viene raccontato spudoratamente da un autore europeo in stato di grazia.
Il film è narrato in capitoli, quasi come fosse un romanzo, da leggere mentre si guarda il film, il cast di attori è straordinario, il meglio degli attori americani riuniti da Von Trier, si va da Lauren Bacall, a Philip Baker Hall, da Chloe Sevigni e Paul Bettany, fino al suo attore Stellan Skarsgard, qui nel ruolo di cattivo.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.




Commenti

  1. è una terra che nasce su presupposti malati, vedi anche storia della conquista del west, e in quello c'è molta della sua forza...
    film strepitoso

    RispondiElimina
  2. concordo in pieno, è un film sbalorditivo, Nicole Kidman è straordinaria :)

    RispondiElimina
  3. L'apice del Cinema di Von Trier, un film potentissimo che sorprende ad ogni visione.
    Bellissimo.

    RispondiElimina
  4. Condivido, un CAPOLAVORO ASSOLUTO, anche se sono in pochi a considerarlo tale. Secondo me da qui in poi le carriere della Kidman e di Von Trier sono state tutte in discesa.

    RispondiElimina
  5. insomma rispetto il tuo parere però non lo condivido l'ultimo film di Nicole è bellissimo Von Trier non ha fatto la quantità dei film di Nicole ma ha fatto delle perle a me son piaciuti, solo Anthicrist non ho digerito :)

    RispondiElimina
  6. « Dogma 95 è un collettivo di registi cinematografici fondato a Copenhagen nella primavera del 1995.
    Dogma 95 si pone lo scopo dichiarato di contrastare "una certa tendenza" del cinema attuale.
    Dogma 95 è un’azione di salvataggio![...] Dogma 95 si contrappone al film individuale presentando un corpo di regole indiscutibili conosciute come IL VOTO DI CASTITÀ. [...] Le riprese vanno girate sulle location. [...] La macchina da presa deve essere portata a mano. [...]Lavori ottici e filtri non sono permessi.Il film non deve contenere azione superficiale. (Omicidi, armi, etc. non devono accadere). L'alienazione temporale e geografica non è permessa. Non sono accettabili film di genere. [...] Inoltre giuro come regista di astenermi dal gusto personale! Non sono più un artista. Giuro di astenermi dal creare un'"opera", perché considero l'istante più importante del complesso. Il mio obiettivo supremo è di trarre fuori la verità dai miei personaggi e dalle mie ambientazioni. Io giuro di far ciò con tutti i mezzi possibili ed al costo di ogni buon gusto ed ogni considerazione estetica. Così io esprimo il mio VOTO DI CASTITÀ."
    Copenaghen, lunedì 13 marzo 1995

    A nome del DOGMA 95

    Lars von Trier, Thomas Vinterberg »

    Il regista danese ai suoi massimi livelli, prima di una serie di film innegabilmente sbagliati.

    RispondiElimina
  7. si sapevo del dogma 95, ma del giuramento no, XD comunque grazie per averlo postato ^_^

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.